Addio ad Irvin Kershner, il regista de “L’Impero colpisce ancora”

212
letture recenti

E’ morto a Los Angeles, il regista statunitense Irvin Kershner,noto soprattutto per aver diretto “L’Impero colpisce Ancora“, che è considerato il più bel film della saga di Star Wars, insieme a “La Vendetta dei Sith”. La sua morte è legata ad una lunga malattia che lo affliggeva da tempo.


Kershner era nato a Filadelfia il 29 Aprile del 1923 e tra i suoi altri lavori ricordiamo: “Mai Dire Mai” (film non ufficiale, anche se amatissimo, su James Bond) “Robocop 2” e “Gli Occhi di Laura Mars”.


Prima di diventare regista era stato anche fotografo, che aveva anche insegnato alla University of Southern California, dove seguì anche il corso di cinema di Slavko Vorkapić.

In quegli anni fu anche documentarista per il dipartimento di stato americano in Iran, Turchia e Grecia.

Quando Lucas lo chiamò gli raccomandò di dare più spazio ai personaggi e agli attori.

Una sua frase celebre fu:
“Mi piace riempire il fotogramma con i visi dei personaggi. Non c’è niente di più interessante del panorama del volto umano”
Addio Irvin, ci mancherai tanto: senza di te, Star Wars non sarebbe stato così bello e non avremmo avuto un un capolavoro come “L’impero Colpisce Ancora”.

Commenti

commenti

Articolo precedenteL’Esalogia anche su Mediaset Extra
Articolo successivoSottotitoli TCW 3×11
News Editor - Milanese, Scrittrice, Cinefila, Bibliofila, Sognatrice, Appassionata di arte, storia, filosofia, psicologia, astronomia e medicina! - Star Wars è la sua magnifica ossessione fin dall'infanzia, in primis tutto ciò che riguarda l'esalogia.
CONDIVIDI

12 COMMENTI

  1. Rest in Peace Irvin! Una preghiera per te. Grazie per quello che ci hai donato!

  2. Ma che giornataccia! Leslie Nielsen e Irvin Kershner… Sempre i migliori ad andarsene! Un saluto a chi ci ha regalato uno dei più bei film di sempre.

  3. Se ne sono andate ieri due figure che hanno dato il loro importante contributo a quella meravigliosa macchina di emozioni che è il cinema. Grazie.

  4. Difatti ci hanno lasciato anche due altri giganti come Nielsen e Monicelli: ieri proprio una giornata nera per il cinema :cry3: :cry3: