Dactillion

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Dactillion 2.jpg
Dactillion
Intelligenza

non senziente

Pianeta d'origine

Utapau

Altezza media da adulto

6 mt.

Apertura alare media

24 mt.

Il dactillion era una specie di rettile carnivoro nativo di Utapau. Questo "lucertolone" gigante alto 6 metri possedeva quattro zampe e due ali che gli permettevano di volare. L’apertura alare era di ben 24 metri.

Storia e fisiologia

Gli abitanti di Utapau addomesticarono i dactillion per cavalcarli ed utilizzarli anche in guerra quando le forze separatiste attaccarono il pianeta.

I dactillion erano una specie antica, che ha tormentato gli Utapauni predandoli nella loro ascesa verso la civiltà. Questi rettili volanti erano solitari e nomadi. All’interno di un pozzo di sprofondamento, un dactillion poteva usare i suoi arti per arrampicarsi sulle pareti, e le sue ali per volare attraverso le correnti termiche ascensionali. Caccia vaall’interno del pozzo, cibandosi di pesci di grotta, piccole prede o carogne. Quando il cibo scarseggiaa o giunge il tempo per l’accoppiamento, il dactillion volava verso la superficie, cavalcando i forti venti che spazzano le anonime pianure.

Dactillion su Utapau.
Fu tramite lo studio degli schemi di migrazione dei dactillion che gli Utapauni furono in grado di comprendere il complesso clima del loro pianeta. Il dactillion avrebbe lasciato i pozzi e sarebbe volato verso la superficie aperta quando i venti fossero diminuiti. Fu dopo questo che anche gli Utapauni poetvano avventurarsi sulla superficie, installando i loro mulini e altri strumenti che gli permisero di usufruire dell’energia eolica di cui il pianeta abbondava.

Anche se i varactyl (la specie a cui apparteneva Boga) furono la prima specie ad essere addomesticata dagli Utapauni, poco dopo venne l’ora dei dactillion. Cibando questi rettili volanti con carne fresca, gli Utapauni fruono in grado di assicurarsi leali animali da monta che gli permisero di esplorare il pianeta al di sopra dei pozzi di sprofondamento.

Presente in

Fonti