Fucile blaster E-11

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
(Reindirizzamento da E-11)
Il soggetto di questa voce è apparso nell'era dell'ascesa dell'Impero.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Ribellione.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Nuova Repubblica.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era del Nuovo Ordine Jedi.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era Legacy.
Yoda 10.JPG

Maestro Qui-Gon, altro da dire tu hai?

E' stato richiesto un approfondimento di questa voce.

Per favore, migliora questa voce rispettando le linee guida del DataBank e rimuovi questo avviso una volta terminato il lavoro.

E-11 1.jpg
Fucile blaster E-11
Informazioni di produzione
Produttore
Modello

E-11

Tipo

Fucile blaster

Costo

1.000 crediti

Specifiche fisiche e tecniche
Dimensioni

Medie

Peso

4.5 kg

Capacità

500 colpi

Range

300 mt

Uso e storia
Ere
Affiliazione

Il fucile blaster E-11 era l’arma di ordinanza degli stormtrooper Imperiali perchè offriva il raggio di fuoco e rapporto di danno di un fucile blaster a canna lunga tradizionale in un arma compatta, relativamente leggera (3,5 Kg) e facile da trasportare.

Caratteristiche

L’ E-11 aveva un design ben bilanciato che permetteva anche il fuoco a mano singola senza fare perdere troppo sull’accuratezza di mira, consentendo al tempo stesso l’uso in scontri ravvicinati, facilmente come se si impugnasse una pistola.

Aveva una buona portata di tiro, grazie anche all’avanzato sistema di bobine galven, ma alcuni particolari ne aumentavano la resa, particolari come il calciolo estensibile ed il sistema di mira computerizzato che ne facilitava l’uso in condizioni di bassa luminosità dell’ambiente.

La gittata massima dell’arma era di 300 metri, ottimale nel raggio dei 100, grazie alla canna che correva praticamente lungo l’intera lunghezza dell’arma, garantendo un colpo particellare concentrato e potente.

Per ottenere questo tipo di canna solo il modulo di XCiting del gas e l’ alloggiamento del cristallo prismatico erano situati dietro la stessa, gli altri componenti montavano a lato o sotto le bobine galvaniche, mentre la camera del gas aveva un esclusivo disegno tubolare e si inseriva nella parte posteriore dell’arma.

Schemi dell'E-11.
Queste componenti erano montate su un singolo modulo che poteva essere agevolmente asportato per riparazioni o sostituzioni.

Per prevenire il surriscaldamento a livelli pericolosi l’E-11 disponeva di un sistema di raffreddamento alimentato da un agente refrigerante, chiamato freelol, che tramite un intricato sistema capillare allontanava il calore dai componenti vitali spingendolo verso le ventole posteriori.

L’arma poteva essere settata su un ampia serie di livelli di fuoco che andavano da stordimento a colpo letale. Sebbene disponesse di tre posizioni di fuoco (semiautomatico, automatico, stordente) veniva usualmente usato nella modalità semiautomatica, in quanto le altre tendevano a determinarne un disallineamento della canna dovuto all’inevitabile surriscaldamento che il fuoco prolungato causava.

Presente in

Presenze non canoniche

Fonti

Uno stormtrooper imbraccia un E-11.

Collegamenti esterni