Jan Ors

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Questa pagina contiene informazioni che sono considerate Legends.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era dell'ascesa dell'Impero.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Ribellione.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Nuova Repubblica.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era del Nuovo Ordine Jedi.
Janors 1.jpg
Jan Ors
Informazioni biografiche
Pianeta d'origine

Alderaan

Nascita

c. 24 BBY

Descrizione fisica
Razza

Umana

Sesso

Femmina

Altezza

160cm

Capelli

Castani

Occhi

Castani

Protesi

Mano prostetica destra

Dotazione
Informazioni storiche e politiche
Epoche
Affiliazione
"8t88, ti presento Jan Ors. Irritabile, a volte. Ma molto carina. Nulla che faccia al caso tuo."
―Kyle Katarn

Jan Ors fu un'agente ribelle e, successivamente, della Nuova Repubblica e dell'Alleanza Galattica. Pilota provetto oltre che spia talentuosa, fu a lungo il braccio destro di Kyle Katarn.

Biografia

Agente ribelle

Jan Ors era la figlia di una ballerina e di un ingegnere aerospaziale, entrambi provenienti dal pianeta Alderaan ed entrambi pervasi da un forte senso di giustizia, tant'è che, negli anni bui dell'Impero Galattico, furono tra i fondatori della Rete d'Azione per la Giustizia, che si opponeva alla tirannide imperiale. Jan partecipò alle azioni della Rete per qualche tempo, ma successivamente passò all'Alleanza Ribelle e ricevette l'incarico di infiltrarsi nei Servizi Segreti Imperiali, dove condusse operazioni di sabotaggio ed estrazione. Il suo servizio per la Ribellione fu molto importante e Jan venne più volte encomiata, benché la sua copertura la costringesse, a volte, ad agire contro i suoi stessi compagni ribelli.

Qualche tempo dopo, Jan lasciò l'Intelligence imperiale e tornò al servizio attivo per l'Alleanza. Durante una missione su Oulanne per rubare taniche di benzina, Jan fu vittima di una misteriosa infezione e fu portata dagli altri Ribelli sulla stazione di Pellezara, dove, in preda al delirio, si lasciò sfuggire la natura della sua missione. Solo per un soffio riuscì a sfuggire all'arrivo delle forze imperiali, grazie al giovane figlio dei proprietari della stazione, Tarrin Datch, che Jan stessa reclutò allora nella Ribellione. Insieme a Datch, Jan riuscì a tornare alla base di Dantooine con il prezioso carico di benzina.

Jan incontrò Kyle Katarn durante un attacco imperiale contro la base ribelle sull'asteroide AX-456; Kyle, in comando della missione, permise deliberatamente ai Ribelli di fuggire. Quello non fu che l'inizio del loro rapporto e ben presto i due si incrociarono nuovamente durante una missione di Ors a bordo della Star of Empire. Fu in quest'occasione che i due ebbero finalmente modo di parlare e che Jan gli rivelò che era stato l'Impero ad uccidere suo padre Morgan. Kyle fu sconvolto dalla rivelazione e decise di abbandonare l'Impero insieme a Jan.

Con Kyle Katarn

"Ogni volta che ho bisogno di te sei sempre in qualche guaio."
―Jan Ors a Kyle Katarn

Jan riuscì a convincere Mon Mothma ad assoldare Kyle come mercenario e divenne ella stessa la pilota della sua Moldy Crow: insieme, i due rubarono i piani della Morte Nera su Danuta, fornendo informazioni preziosissime alla Ribellione. Kyle imparò rapidamente a fidarsi di Jan, sua pilota ed amica, e volle che fosse lei ad accompagnarlo nella missione per fermare i soldati oscuri.

Jan e Kyle.

Mentre Kyle si faceva carico delle missioni di infiltrazione e commando, Jan, rispolverando la sua carriera di agente segreta, fu fondamentale per fornirgli tutte le informazioni di cui aveva bisogno e per scoprire di più riguardo il temibile progetto imperiale. Fu lei a scoprire che Jabba era il finanziatore segreto dei soldati oscuri e fu sempre lei a riuscire a portare Kyle in salvo da Coruscant dopo una delicata missione sulla capitale imperiale.

La collaborazione fra i due non si fermò qui, anche se Jan volle sempre evitare che si evolvesse in qualcosa oltre il professionale. I sentimenti dell'uno per l'altra divennero però chiari quando Jan venne catturata da Jerec, il Jedi Oscuro con il quale Kyle stava contendendo per la ricerca della Valle dei Jedi. Su Ruusan, Jerec tentò di sedurre Kyle al lato oscuro persuadendolo ad uccidere Jan; questi si rifiutò e confessò invece il proprio amore per la ragazza. I due riuscirono ad uscire vittoriosi - e vivi - anche dalla campagna contro Jerec, ma le loro missioni pericolose non sarebbero finite lì. Jan stessa fu nuovamente catturata da un altro Jedi Oscuro, Declann, il quale inizialmente ne finse l'uccisione, convincendo Kyle a recuperare il suo addestramento da Jedi. Proprio per via del pericolo che gli impediva di avere una vita serena, Jan, suo malgrado, rifiutò sempre le proposte di matrimonio di Kyle.

Negli anni successivi alla sconfitta di Jerec, Jan continuò a lavorare per la Nuova Repubblica, entrando nell'organizzazione segreta nota come Alpha Blue, della quale prese il comando dopo il pensionamento dell'Ammiraglio Hiram Drayson, traghettandola nella Guerra degli Yuuzhan Vong. Durante una missione su Ord Sedra, Jan fu nuovamente salvata da Kyle, portando ad un commovente incontro durante il quale però, ancora una volta, la donna rifiutò la sua proposta di matrimonio. Non si dimenticò, comunque, del suo vecchio amico: dopo la sconfitta degli Yuuzhan Vong, Jan usò le sue risorse per aiutare l'apprendista di Kyle, Jaden Korr, a ritrovare il suo maestro, scomparso mentre stava indagando su un possibile ritorno dei Sith.

Dietro le quinte

Jan Ors apparve per la prima volta nel videogioco Star Wars: Dark Forces (1995), doppiata da Julie Eccles. In Star Wars: Jedi Knight: Dark Forces II (1997), fu invece interpretata da Angela Harry, il cui aspetto fu usato di lì in poi per raffigurare il personaggio. In Star Wars: Jedi Knight II: Jedi Outcast (2002), la doppiatrice fu Vanessa Marshall.