Palazzo di Xizor

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
La distruzione del Palazzo di Xizor.

La maggior parte dei cittadini guardavano al Palazzo del Principe Xizor con un mix di invidia e ammirata soggezione, impressionati alla vista di quale abitazione era adatta a un più che miliardario. Xizor, un Falleen di sangue reale, iniziò la costruzione del suo Palazzo durante le ultime decadi della Repubblica, usando una parte della sua fortuna come capo della Xizor Trasporti Interstellari per radere al suolo il grattacielo Farfalla ad est del Palazzo Presidenziale e costruire in sua vece una nuova torre dalle sue fondamenta. Dopo le Guerre dei Cloni, Xizor coltivò una stretta relazione con l’Imperatore Palpatine, e il suo castello crebbe in magnificenza. Rimase uno degli splendori di Imperial City dopo la Battaglia di Endor.

Quello che la gente non seppe mai era che Xizor era a capo dell’organizzazione criminale Sole Nero. Le illegali operazioni del Principe Falleen necessitavano sistemi di sicurezza di prim’ordine. Olocamere e guardie armate vigilavano le stanze da ballo del castello, le camere di combattimento, i giardini di meditazione, le piattaforme di atterraggio, le stanze degli ospiti, e le stanze del tesoro. Queste stanze contenevano meraviglie sia reali che intangibili, inclusa l’unica copia del Mappa Perlemiana e datafile contenenti gli affari sporchi dell’elite politica di Coruscant.

Nonostante i miliardi spesi in sicurezza, il palazzo di Xizor si dimostrava sorprendentemente vulnerabile ai sabotaggi interni, dopo essere penetrato all’interno della struttura, Lando Calrissian la fece collassare gettando un detonatore termico nello scivolo dell’immondizia. Il Governo Imperiale dichiarò che il disastro era stato pianificato da tempo in previsione di un nuovo progetto di costruzione, e in seguitò fu costruito al suo posto un nuovo edificio, l’Imperial Security Operation Building. Durante la Nuova Repubblica, la torre fu utilizzata come quartier generale su Coruscant della Bothan Spynet. Si dice che i Bothan abbiano ricreato con successo l’intera libreria dei datafile di ricatti di Xizor.

Presente in

Il Palazzo di Xizor.

Fonti