E se il Leader Supremo Snoke fosse qualcuno che già conosciamo?

4032
letture recenti

Siamo sulla Base Starkiller. Il giovane Kylo Ren e lo spietato Generale Hux sono in piedi, in una sala buia, davanti ad una figura imponente, seduta su un trono, in una scena che ricorda vagamente la conversazione fra Darth Vader e l’Imperatore ne L’Impero colpisce ancora. La figura seduta sul trono è volutamente oscurata, mantiene un’aura di mistero, ha l’aspetto antico e, da quel che riusciamo a vedere, il volto orribilmente sfigurato: è Snoke (clicca sul nome per leggere la scheda sul nostro DataBank!), Leader Supremo del Primo Ordine e maestro di Kylo.

Una dose così massiccia di mistero, intenzionalmente spinto, ha sicuramente portato tutti noi a chiederci chi possa essere Snoke, questo nuovo maestro del lato oscuro dall’aspetto così particolare (a partire dalle dimensioni gigantesche, che poi scopriamo essere falsate dall’ologramma).

Qualche indizio ce lo dà proprio Andy Serkis, l’attore che ne ha dato la voce e l’aspetto (insieme ad una buona dose di digitale), nella sua intervista a Entertainment Weekly dello scorso novembre. Serkis ci rivela che Snoke “è un personaggio assai enigmatico e, stranamente, vulnerabile, pur essendo al tempo stesso molto potente”. Ha, com’è chiaro, “grandi piani“, che però sono legati a questa sua vulnerabilità, come prosegue Serkis: “Ha subito una gran quantità di danni. Come ho detto, è stranamente vulnerabile e questo, immagino, sta alla base del suo piano”. Quanto è più interessante è che “è in giro da un po’ ed ha conoscenza degli eventi precedenti. Penso sarebbe giusto affermare che sa molto del passato“.

snoke_concept

Tanto è bastato per scatenare il fandom a partorire una nuova teoria, secondo cui Snoke potrebbe essere in realtà la nuova identità di Darth Plagueis. Anche su quest’ultimo, non sappiamo quasi nulla, eccetto che aveva scoperto il segreto della vita eterna (o qualcosa di simile) e che era il maestro di Palpatine, dal quale fu ucciso a tradimento, nel sonno. Viene nominato appena una volta in tutta la Saga e pressoché dimenticato.

Secondo questa teoria, Snoke, potente nel lato oscuro, potrebbe essere un Sith antico e il suo aspetto vetusto lo suggerisce. Ha interesse nella famiglia Skywalker ed ha scelto come apprendista un discendente diretto di Vader. Non solo: l’ha anche manovrato, sfruttando i suoi dubbi e la sua debolezza, per distruggere il nuovo ordine Jedi che Luke stava cominciando a costruire. E, forse per celare qualche segreto, si è rifiutato di completare il suo addestramento prima del suo passaggio totale al lato oscuro. Il romanzo de Il Risveglio della Forza racconta infine che Snoke ebbe altri apprendisti prima di Kylo e che stava macchinando nell’ombra durante gli eventi della Trilogia Originale.

Dulcis in fundo, il theme di Snoke ricorda terribilmente la musica di sottofondo nel momento in cui Palpatine racconta ad Anakin la leggenda di Darth Plagueis. Coincidenze?

Sicuramente tutto filerebbe e sarebbe una svolta di trama molto interessante, ma, si sa, è nota l’abilità di JJ Abrams, fin dai tempi di LOST, di gettare indizi per permettere ai fan più sfegatati di sviluppare le loro teorie e tenere alta l’attenzione sullo show. Questa teoria si scontra con l’affermazione molto precisa di Palpatine secondo cui Plagueis fu ucciso: le sue scoperte avrebbero dovuto portarlo non solo a scoprire il segreto della salvezza dalla morte, ma anche della resurrezione! Inoltre, gli autori sono stati molto chiari nell’affermare che Kylo non è un apprendista Sith, e questo automaticamente renderebbe Snoke a sua volta un non-Sith. C’è poi l’affermazione di Serkis secondo cui Snoke “è un personaggio decisamente nuovo”. Quindi, per quanto intrigante, ci sono ampie possibilità che questa teoria farà la fine di quella che voleva Luke dietro la maschera di Kylo. Temiamo, onestamente, qualcosa di più piatto.

Non ci resta che aspettare, già trepidanti, maggio 2017! Intanto però, raccontateci che ne pensate sul nostro forum e sulla nostra pagina Facebook!

Commenti

commenti

2 COMMENTI