Fate of the Jedi: un flop?

224
letture recenti

Fate of the Jedi, l’ultima serie di romanzi starwarsiani (ultima in termini di cronologia galattica nonché terrestre), si è chiusa il 13 marzo con Apocalypse dopo 3 anni e 9 libri. Ma potrebbe essere stata un grosso flop, se non in termini economici, quantomeno in termini di fandom.

Senza spoilerare troppo, FotJ era pensata come il collante fra Legacy of the Force, l’altra corposa serie di 9 libri ambientata subito dopo la Guerra degli Yuuzhan Vong e che segue lo scontro fra l’Alleanza Galattica e la ribelle Corellia, scontro che fa da cornice alla caduta di Jacen Solo (poi Darth Caedus) nel lato oscuro della Forza e al suo tentativo di imporre un regno di terrore, e la serie fumettistica di grande successo Legacy, ambientata più di cento anni dopo Una nuova speranza e che narra le avventure di Cade Skywalker braccato dal Signore Oscuro Darth Krayt.

FotJ si apre con i primi tentativi di riunificazione fra l’Alleanza Galattica (guidata, con grande sgomento dei fan, dall’ex ammiraglio imperiale Daala!), l’Impero e  Corellia, che però naufragano a causa di una cospirazione ordita da alcuni ambiziosi senatori dell’Alleanza e Moff imperiali. Nel frattempo, fra i Jedi si diffonde una misteriosa malattia mentale che li fa impazzire; come conseguenza, Luke Skywalker viene esiliato dall’Alleanza e scopre che la causa della malattia è un’entità della Forza di nome Abeloth, che, udite udite, alla fine verrà riconnessa alla sagrada familia di Mortis, nella quale si sarebbe imposta come una sorta di Madre, liberata dopo tanti anni accidentalmente dallo stesso Jacen Solo. Dulcis in fundo, una Tribù Perduta dei Sith fa la sua ricomparsa nella galassia per vendicare l’impero di Naga Sadow e compari.

Primo problema: per la bellezza di nove libri da oltre 300 pagine, la storia si trascina in avanti così, lentamente, con gli stessi personaggi e gli stessi avvenimenti, senza particolari colpi di scena e svolte, eccetto la deposizione di Daala da Capo di Stato che la porta a tentare di riprendere il controllo dell’Impero. Secondo problema: fra una tribù perduta di Sith che ritorna dopo millenni (e che si è tra l’altro conquistata una serie di romanzi a parte), Daala che nuovamente si rivela come villain, e la ripresa di Mortis, l’originalità è pari a 0. Terzo problema: alla fine il collante con Legacy non c’è, assistiamo ad un finale apertissimo, abissale, che lascia intendere una nuova serie per raccontare la nascita dell’Impero dei Fel e la sconfitta della tribù perduta dei Sith.

Come punto a favore indubbiamente è la riduzione dello spazio concesso ai personaggi classici, a cominciare da Han Solo e Leia Organa, che ormai hanno alle spalle una 50ina di anni di battaglie e guerre. La pensione è più che meritata!

Insomma, anche soltanto a leggere i commenti su Jedi Council Forums, l’angolo di discussione della community di TheForce.net, emerge con chiarezza che, in generale, la serie non ha fatto contenti i fan, anzi, molti ne sono rimasti estremamente delusi. Chissà se non sarà uno sprono a ripensare la linea editoriale dei prodotti targati Star Wars?

Commenti

commenti

5 COMMENTI

  1. “Luke Skywalker viene esiliato dall’Alleanza e scopre che la causa della malattia è un’entità della Forza di nome Abeloth, che, udite udite, alla fine verrà riconnessa alla sagrada familia di Mortis, nella quale si sarebbe imposta come una sorta di Madre, liberata dopo tanti anni accidentalmente dallo stesso Jacen Solo”

    LOL
    A me la saga di Mortis onestamente non era dispiaciuta, però proprio qualche giorno fa rileggevo i commenti sul forum e aveva tirato su un bel vespaio xD

  2. Anche a me la trilogia Mortis è piaciuta ma non condivido questi crescentemente deludenti libri -_-

  3. Qualcuno di voi ha letto questa collana di libri? Come vi sono sembrati? In Italia gli hanno per caso pubblicati (domanda scema forse la mia :$ )?

  4. No non li ho letti e credo che non li leggerò mai vista la trama….comunque si se ho capito bene si.

  5. Purtroppo non li ho letti, conosco solo la trama e i commenti di diversi tenori apparsi sul forum di TheForce.net; che io sappia non è prevista nessuna traduzione in Italia (e ci mancherebbe: per capirli bisognerebbe prima leggere tutta la serie Vong e la Legacy of the Force XD)