Il braccio meccanico non è più fantascienza

151
letture recenti

Avete letto bene. La cibernetica si sta sempre più facendo strada anche nel nostro mondo, e probabilmente nel prossimo futuro potremo vedere arti meccanici non solo guardando Star Wars o altri film di fantascienza, ma anche camminando per la strada. Infatti è tutta italiana la prima mano bionica impiantata in un paziente, e sarà presentata oggi a Roma dopo una collaborazione fra Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e l’università Campus Biomedico di Roma. La mano meccanica  stata impiantata nel novembre del 2008 ad un uomo italo-brasiliano al quale la mano era stata amputata fino a metà avambraccio in seguito a un incidente stradale. L’arto ha cinque dita indipendenti ed è direttamente controllata dal sistema nervoso del paziente grazie a quattro elettrodi impiantati nei nervi mediano (all’altezza del polso) e ulnare (avambraccio). Grazie agli elettrodi è stata creata un’interfaccia che permette al sistema nervoso del paziente di “dialogare” con la mano artificiale. In questo modo diventa possibile trasmettere, fra mano e paziente, comandi di movimento e sensazioni tattili.

Fonte: ANSA.it

Commenti

commenti

Articolo precedenteSpeciale Battlefront III
Articolo successivoUscito Clone Wars Vol.4: Luce e Oscurità
Fondatrice - Emiliana, sognatrice, appassionata e molto ma molto fiera di essere nerd, si occupa della gestione amministrativa del sito, delle PR e dei suoi contenuti. (eterea@swx.it)
CONDIVIDI

2 COMMENTI

  1. E’ la speranza di tutti credo, ma è comunque bello sapere che in futuro possa esserci questa possibilità!