L’erede dell’Impero: grande ritorno!

128
letture recenti

Dopo Star Wars The Old Republic: Inganno, uscito ad aprile e di cui potete visualizzare la nostra recensione a questo link, Multiplayer Edizioni entro fine giugno ci delizierà con un’altra uscita starwarsiana, un classico assolutamente imperdibile per i fan della grande saga di Star Wars, ovvero L’erede dell’Impero di Timothy Zahn, primo volume della trilogia che ha presentato a questa galassia il temuto Grand’Ammiraglio Thrawn.

A questo link potrete trovare una scheda sul romanzo, la copertina (in linea con quella originale della ristampa per il 20° anniversario), nonché un’anticipazione con un’interessante introduzione a firma dello stesso Zahn e il primo capitolo del libro in anteprima.

Un’occasione unica da non perdere!

Commenti

commenti

Articolo precedenteThe Old Republic verso il free-to-play?
Articolo successivoIn arrivo una KOTOR Collection?
Amministratore - Studente universitario, dopo una carriera alla scoperta dell'Universo Espanso con rara passione, si diletta ora ad esplorare il nuovo canone.
CONDIVIDI

9 COMMENTI

  1. Un’occasione imperdibile per chi, come il sottoscritto, non è riuscito a leggere il romanzo ma ne ha costantemente sentito parlare.
    Ad esempio per me Palleon è il Capitano della RAS “Leveler” punto, non sò nulla nei dettagli del suo futuro nell’Impero.

  2. Penso proprio che lo comprerò, non può mancare nella mia collezione. 🙂 🙂

  3. Dai, tutti hanno qualche collezione, poi ci saranno collezioni piccole, medie, grandi e molto grandi 🙂 🙂

  4. Collezione di cartaceo non ho ne libri ne fumetti. L’unica collezione che possiedo è quella delle navicelle della deagostini 😆 . Qualche gioco (KOTOR II, Battlefront I e II, Jedi Academy, Empire at War, Republic Commando), due pupazzi di Yoda e Boba con la grossa testa a molla (sapete no, qualli che tocchi la testa e traballano, simpaticissimi) e ovviamente i due autografi di Jeremy Bulloch e Mary Oyaya incorniciati in camera mia 😆 .

  5. Tutto ciò è già qualcosa :cheers: ; gli autografi poi valgono doppio 😆