L’Expanded Universe prossimo al cestinamento?

162
letture recenti

Potremmo essere ormai sul punto di dire addio al canone dell’Expanded Universe di Star Wars come l’abbiamo conosciuto fino ad oggi. Questo è quanto emerge dalle indiscrezioni pubblicate dal sito starwars7news.com, che si occupa, com’è facilmente intuibile dal nome, di seguire lo sviluppo di Episodio VII, il nuovo capitolo della Saga targato Disney.

Il sito cita una misteriosa fonte che si fa chiamare JediDigger (“digger” in inglese può voler dire “cercatore”), secondo la quale nella prossima trilogia verranno riciclati molti nomi dell’EU, ma in personaggi diversi.

Ad esempio, la moglie di Luke Skywalker potrebbe essere ispirata a Shira Brie e Mara Jade (capelli rossi, occhi verdi, temperamento focoso), pur essendo un personaggio in teoria completamente nuovo. E questo spiegherebbe anche perché non si è ancora fatto il nome di Mara Jade per l’imminente serie tv Star Wars: Rebels, che seguirà i primi passi della Ribellione contro l’Impero.

Kyle Katarn, Corran Horn e Cilghal sono tra i personaggi più amati dell’EU che dovrebbero comparire nella nuova trilogia, ma ancora con nomi e ruoli diversi.

Lo stesso vale per i figli di Han-Leia e di Luke, ispirati ai noti Jacen, Jaina e Ben… ma senza essere loro.

JediDigger parla inoltre di colloqui fra JJ Abrams e Timothy Zahn, il “papà” del Grand’Ammiraglio Thrawn (del quale Multiplayer Edizioni ha recentemente ripubblicati i libri), per consulenze. Abrams vorrebbe una storia centrata sui figli degli eroi della Trilogia Classica, con Han, Luke e Leia sullo sfondo.

Il condizionale è d’obbligo. Nulla ci garantisce che questa “fonte” non sia un falso, e non ci sono ancora conferme ufficiali, ma nemmeno smentite. Ma difficilmente ci si può aspettare un mantenimento del canone così com’è. Piaccia o no, l’EU post-Ritorno dello Jedi (da Thrawn agli Yuuzhan Vong e oltre) sarà cestinato.

Commenti

commenti

3 COMMENTI