Recensione Mensile Star Wars 2

174
letture recenti

Eccoci arrivati al secondo appuntamento con i fumetti di Star Wars!!!

Anche questo secondo numero ci viene proposto in doppia copertina:

La struttuta è rimasta la stessa, con le pagine di introduzione all’ epoca in cui si svolge e gli ultimi risvolti della trama, seguite da una pagina intera con la copertina originale americana del numero e poi dal capitolo vero e proprio.

Knights of The Old Republic vede il nostro giovane Padawan Zayne Carrick allearsi con il più improbabile dei compagni per cercare di scappare da Taris, dopo aver assistito all’ omicidio a sangue freddo dei suoi amici Padawan da parte dei loro stessi maestri.
Braccato si ritroverà a riflettere sugli ultimi avvenimenti per cercare di capire cosa possa aver portato a tutto ciò, e comincierà a intravedere un possibile ritorno della minaccia dei Sith.
I fan più attenti noteranno citazioni a due diverse sequenze dell’ originale Episodio IV, vi lascio il piacere di scoprirle da soli.

Con Invasion ci ritroviamo in un clima di distruzione a terrore mentre gli Yuuzhan Vong fanno a pezzi tutto ciò che trovano sul pianeta Artorias e la famiglia reale lotta per la sopravvivenza cercando al contempo di salvare quanti più cittadini possibili. Gli verrà in aiuto un inaspettato amico.

Darth Fener invece continua a lacerarsi con visioni di come poteva andare la sua vita se non avesse fatto quello che tutti sappiamo che ha fatto, mentre nel contempo accetta un’ inaspettata proposta da Lady Saro, il leader religioso del sistema atoano, per rintracciare la nave perduta del figlio del Gran Moff Tarkin.
Gli intrighi e i complotti orditi da lui e Palpatine si fanno più fitti e fanno intravedere un finale inatteso e inquietante per questa miniserie.

Inaspettatamente da questo numero Panini ha deciso di saziare la nostra fame di Star Wars con un altro slot occupato niente di meno che da Classic Star Wars: The Early Adventures, le storiche strisce che dal 1979 cominciarono ad apparire su diversi quotidiani statunitensi.
In queste tavole si respira ovviamente tutta un’ aria da fumetti anni 80 e, anche se non viene specificato, visto l’ anno di pubblicazione la storia non può che svolgersi tra Episodio IV e V.
Grande spazio viene dato ai battibecchi tra i due droidi R2D2 e C3PO, in pieno stile vecchia trilogia.

Il terzo numero sarà in vendita dal 22 novembre, senza copertina variabile.
Alla prossima!!

Commenti

commenti

8 COMMENTI

  1. Si, la recensione la faccio subito dopo averlo letto.
    Anche se più che recensione parlo un pò in generale del numero cercando di evitare spoiler. Il fatto è che io di fumetti americani non ne leggo, ergo non posso fare paragoni con chessò i disegni di altri artisti o la disposizione delle tavole, ergo mi baso giusto sulla storia.
    Da lettore di manga tra l’ altro ogni 2 o 3 pagine mi sbaglio e comincio a leggerlo dal verso sbagliato xD

  2. Ecco le mie valutazioni.

    1)Knights of The Old Republic : La serie mostra 2 volti da una parte il protagonista piuttosto buffo e goffo, dall’altra la trama complessiva oscura ai massimi livelli. Alcune sequenze non sono chiare a causa di vignette non particolrmente riuscite .
    Interessante

    2)Invasion : bho vediamo come va ma i Vong NON mi piacciono.

    3)La terza storia è di gran lunga la migliore, senza dubbio la più “adulta” e profonda.
    Incredibili le sequenze in cui si vede quanto è rimasto di Anakin nel’animo di Darth Vader. Resto dubbioso sull’atteggiamento degli ufficiali “tarkiani” . Posso capire che il Gran Moff rappresenti la potente fazione militare all’interno dell’impero, in un certo senso avversi a Vader e alla sua “antica religione” (vedi episodio 4) ma nessuno sano di mente affronterebbe faccia a faccia Darth Vader. In ogni caso bellissimo.

  3. loro lo affrontano perchè sanno che se Vader gli fa del male l’imperatore non sarà molto clemente verso il suo apprendista!
    Bello KotOR ma le vignette non sono disegnate molto bene.
    Invasion sta iniziando a piacermi nonostante gli Yuuhzan Vong non mi piacciono molto! Comunque rimane bello per la storia.
    DVatLC rimane il migliore anche se sono triste per il fatto che l’alfabeto atoano non è traducibile come l’aurebesh. ;(

  4. Concordo che il Gran Moff Tarkin in personona disponga di sufficcienti appoggi e potere personale da poter discutere con Vader (soprattutto se si trovano nell’orlo esterno, cioè nei territiri di Tarkin), che lo faccia un misero ufficiale di collegamento in una missione sotto il diretto comando del supremo esecutore militare (Vader è l’ufficiale in più alto grado dell’esercito/flotta imperiale) secondo me stona. Avrei preferito che l’ufficiale cercasse di indebolire Vader in maniera sottile , con l’insinuazione, piuttosto che con aperte accuse rivolte ad uno che ti può strangolare col pensiero per poi far risultare che sei morto in azione.

  5. Certo. Non da escludere che anche se Vader lo avesse ucciso l’Imperatore lo avrebbe capito essendo praticante della forza. E ciò che dice, pensa e crede l’Imperatore è legge.

  6. Continuo a pensare che l’imperatore lasciasse mano libera a Vader di spargere il terrore tra l’esercito fino a che questo non interferisse coi suoi piani (infatti in questo numero elaborano quel progettino niente male). In fin dei conti Vader serviva a questo, controlare la macchina miltare (che non era un esercito Sith come quelli di Naga Sadow , Darth Kraith ecc. , l’impero galattico era fondamentalmente laico benchè governato da un Sith), dalla quale alla fin fine venivano le minacce più gravi al nuovo ordine . Le morti di Ozzel e Niner per esempio. Certo TARKIN in persona è un altro discorso. Comunque in qualsiasi esercito un sottoposto si rivolgesse al comandante di missione in quellla maniera sarebbe finito in cella.
    Secondo me è l’unica nota stonata in una grandiosa storia.