Star Wars: nuovo canone senza Expanded Universe

235
letture recenti

Era nell’aria, lo sospettavamo (vedi) ed è effettivamente avvenuto. Con un comunicato del 25 aprile, Lucasfilm ha annunciato che l’Expanded Universe è ufficialmente disconosciuto come canone.

La nuova continuity canonica includerà solamente le trilogie cinematografiche, la serie The Clone Wars e la serie televisiva di prossima uscita Star Wars Rebel. Tutto il resto resterà sotto forma di Legends, ossia materiale non più valido ai fini della continuity, ma dal quale sarà possibile attingere per future storie. 

Senza esprimere giudizi di merito su questa scelta di Lucasfilm, ci limitiamo ad offrire agli utenti di SWX una traduzione del comunicato:

Per oltre 35 anni, l’Expanded Universe ha arricchito l’esperienza Star Wars per i fan che volevano continuare l’avventura oltre gli schermi. Quando creò Star Wars, George Lucas diede vita ad un universo oltre ogni immaginazione, e ispirò altri alla creazione, aprendo quell’universo e facendone uno spazio creativo all’interno del quale altri avrebbero potuto raccontare le loro storie. Così nacque l’Expanded Universe, o EU, fatto di fumetti, libri, videogiochi e altro ancora.

Mentre Lucasfilm lavorava per mantenere le storie create per l’EU coerenti con i contenuti cinematografici e televisivi, oltre che coerenti al loro interno, Lucas chiarì sempre che non si considerava vincolato dall’EU e stabilì che i suoi film erano il canone. Quest’ultimo comprende i sei episodi di Star Wars e le svariate ore di contenuto da lui sviluppate e prodotte in Star Wars: The Clone Wars. Queste storie sono oggetti inamovibili della storia di Star Wars, ai cui personaggi ed eventi tutte le altre storie devono allinearsi.

Ora, con un entusiasmante futuro pieno di nuovi contenuti cinematografici starwarsiani, tutti gli aspetti della prossima narrazione di Star Wars saranno interconnessi. Sotto la direzione di Kathleen Kennedy, presidente di Lucasfilm, la compagnia, per la prima volta nella sua storia, ha formato un gruppo storico per supervisionare e coordinare lo sviluppo creativo di tutto ciò che riguarda Star Wars.

“Abbiamo una quantità senza precedenti di intrattenimento starwarsiano all’orizzonte”, ha detto Kennedy. “Stiamo per riportare Star Wars sul grande schermo, continuando l’avventura tramite giochi, libri, fumetti e nuovi format che hanno appena cominciato ad emergere. Questo futuro di storie interconnesse permetterà ai fan di esplorare questa galassia più a fondo che mai.”

Per dare la massima libertà creativa ai registi e per riservare al pubblico un elemento di sorpresa e scoperta, gli Episodi VII-IX di Star Wars non racconteranno le stesse storie dell’Expanded Universe post-Ritorno dello Jedi. Benché l’universo che i lettori conoscevano stia cambiando, non viene cestinato. I creatori della nuova esperienza starwarsiana hanno totale accesso al ricco contenuto dell’Expanded Universe. Ad esempio, Star Wars Rebels comprende elementi dell’EU. L’Inquisitore, l’Ufficio Imperiale di Sicurezza e la Sienar Fleet Systems sono elementi presenti nella nuova serie animata, e tutte queste idee traggono origine dal materiale per il gioco di ruolo pubblicato negli anni ’80.

La domanda delle vecchie storie dell’Expanded Universe ne determinerà la continuazione della stampa, sotto il nuovo banner Legends.

Il primo nuovo canone che apparirà sugli schermi sarà Star Wars Rebels. Nella stampa, i nuovi libri che usciranno da questa collaborazione creativa includono quelli che saranno pubblicati da Del Rey Books. Primo fra tutti ad essere annunciato, John Jackson Miller è al lavoro su un romanzo che precede gli eventi di Star Wars Rebels e approfondisce la storia di uno dei personaggi principali, sotto il diretto input dei produttori esecutivi Dave Filoni, Simon Kinberg e Greg Weisman.

E questo è solo l’inizio di un programma creativamente allineato di narrazione starwarsiana, nato dalla collaborazione di persone di incredibile talento unite dal loro amore per quella galassia lontana lontana…

Commenti

commenti

5 COMMENTI

  1. Non ci posso credere… non riesco a concepire che tutta la storia dell’universo espanso dall’era pre-repuplicana fino all’era legacy verrà sostituita da quella bimbominchiata di rebels… Brava disney, brava…

  2. Non è possibile! Ma, Disney, che chacchio fai!
    Tutto l’EU spazzato “rimosso”, anche senza motivo perchè potevano benissimo continuare a creare le loro storie su quello che c’era giá, ma no, devono prima distruggerlo per poi crearne uno tutto loro.
    Mi associo -brava Disney brava

  3. Figli di tr###……….
    Scusate ma cestinato solo quello che succede dopo il VII capitolo o proprio tutto compresi gli eventi prima della Minaccia Fantasma?

  4. Bho, non è chiarissima quella dichiarazione in effetti, secondo me tutto.

  5. Ma che barzelletta mettere “The clone Wars” nel tempio delle sacralità canoniche insieme ai film, quando è forse uno dei prodotti dell’Eu che meno rispetta i film stessi.
    E per Rebels mi sa che sarà la stessa storia…