Un po’ di chiarezza sul ‘caos’ Rogue One

545
letture recenti

Sono stati giorni di notizie più disparate su Rogue One, fonti più o meno autorevoli che hanno definito il film non all’altezza, troppo cupo, da rifare quasi per metà. Come spesso accade in questi casi, la verità viene tenuta ben chiusa negli uffici dei piani superiori delle case di produzione. Vediamo di fare un po’ di chiarezza con le ultime notizie che circolano in rete.

Secondo una di queste riportata da Entertainment Weekly, per assistere il regista Gareth Edwards sarebbe stato chiamato Tony Gilroy, uno degli autori della Bourne trilogy, che starebbe scrivendo nuovo materiale e che si dovrà occupare di dirigere la seconda unità durante le riprese aggiuntive.

Ci siamo un po’ tutti allarmati nei giorni scorsi quando si è sparsa la notizia che gli alti livelli di Disney sarebbero andati nel ‘panico’ dopo la prima visione del film, tanto da ordinare un mese di riprese aggiuntive ad integrazione. Ci sono state voci di un possibile coinvolgimento di Christopher McQuarrie e di forti contrasti fra la produzione di Rogue One e la dirigenza Disney. Lo stesso Gary Whitta, che ha scritto la prima bozza di Rogue One, ha definito queste voci e in particolare Reddit “la prima pagina delle str**ate e degli impostori”.

Stando agli ultimi rapporti, le riprese aggiuntive erano già previste e programmate fin dall’inizio e inoltre il nuovo materiale non dovrebbe stravolgere il film, ma andrebbe ad integrare le scene già esistenti. Le nuove scene dovrebbero essere principalmente dialoghi, in particolare all’interno delle astronavi, per dare più volume e tridimensionalità ai personaggi. Niente a che vedere quindi con il famoso “tono troppo dark” perchè si tratterebbe di una cosa voluta e, è stato ribadito, si tratta di un “film di guerra”. Restate sintonizzati per altre novità.

Rogue One uscirà nelle sale italiane il 14 dicembre 2016.

Commenti

commenti