Tank a repulsione 1-H di classe Imperial

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
(Reindirizzamento da 1-H)
Il soggetto di questa voce è apparso nell'era dell'ascesa dell'Impero.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Ribellione.
1H tank 1.jpg
Tank a repulsione 1-H di classe Imperial
Note di fabbricazione
Produttore

Ubrikkian Corporation

Serie

serie Imperial

Tipo

carro armato a repulsione

Note tecniche
Lunghezza

20.5 metri

Velocità massima

300 km/h

Altitudine massima

2 metri

Corazza

25 RU

Armi
Equipaggio
  • Artiglieri (2)
  • Comandante (1)
  • Pilota (1)
Passeggeri

1

Capacità di carico

300 kg

Autonomia

30 ore

Utilizzo
Ruoli

blindato

Epoche
Affiliazione

Impero Galattico

Il tank a repulsione 1-H di classe Imperial era un carro armato pesante in dotazione all'Esercito Imperiale, successore del FireHawke S-1 e massicciamente impiegato da uno dei migliori reparti corazzati dell'Impero, gli Hell's Hammers.

Caratteristiche

Dei tre carri armati Ubrikkian della serie Imperial, l'1-H fu il più diffuso. Armato di un cannone laser pesante e di tre blaster, era molto simile al FireHawk ma aveva due cannoni in più ai lati del veicolo.

Gli Imperial potevano essere equipaggiati con un ariete e usati per rimuovere ostacoli, come avvenne a Mos Eisley quando alcuni edifici dovettero essere abbattuti per far spazio alla nuova base imperiale.

Storia

Dei primi 1500 tank, 1420 furono assegnati al contingente della prima Morte Nera[1], mentre il resto finì agli Hell's Hammers. Dopo la distruzione della stazione spaziale, la produzione degli 1-H proseguì ad un ritmo costante, seppure leggermente ridotto.

Nel corso dell'occupazione di Edan, poco dopo la Battaglia di Yavin, l'1-H conobbe una vasta diffusione come veicolo di scorta per i convogli.

In seguito, gli Hell's Hammers furono riorganizzati e riassegnati e non poterono partecipare alla Battaglia di Hoth. Per questa ragione si vantarono sempre affermando che, se fossero stati presenti, i loro 1-H avrebbero sfondato le difese ribelli molto meglio degli AT-AT di Maximilian Veers.

Fonti

Note e riferimenti