All Terrain Scout Transport

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
(Reindirizzamento da AT-ST)
Il soggetto di questa voce è apparso nell'era dell'ascesa dell'Impero.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Ribellione.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Nuova Repubblica.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era del Nuovo Ordine Jedi.Questa voce è una voce di qualità sul DataBank SWX.
AT-ST.jpg
All Terrain Scout Transport
(Trasporto d'Esplorazione Multiterreno)
Note di fabbricazione
Produttore
Serie

serie AT

Tipo

camminatore

Prezzo

non disponibile al pubblico

Note tecniche
Altezza

8.6 metri[2]

Velocità massima

90 km/h[2]

Unità motrici

cella energetica PowaTek AH-50[1]

Sistemi di puntamento

Armi
Equipaggio
  • Piloti (1)[2]
  • Artiglieri (1)[2]
Capacità di carico

200 kg[2]

Autonomia

1 giorno

Utilizzo
Ruoli
  • cavalleria pesante
  • ricognitore
Epoche
Affiliazione
"Gli AT-ST non verranno più schierati su pianeti con abbondanza di alberi o di popolazioni primitive tira-sassi."
―Manuale di servizio degli AT-ST, edizione post-Battaglia di Endor[fonte]

L'AT-ST, acronimo di All Terrain Scout Transport, era un camminatore bipede d'esplorazione diffusissimo nell'Esercito Imperiale all'epoca della Guerra Civile Galattica.[3] Conosciuto colloquialmente come "il pollo", era funzionale e ben corazzato, e si contraddistinse più per la sua agilità che per il suo armamento; fu sviluppato durante le Guerre dei Cloni [4] seguendo le specifiche di modelli simili ma di scala inferiore, come l'AT-PT e l'AT-RT.

Caratteristiche

La sua andatura bipede lo rendeva meno stabile di un AT-AT ma anche considerevolmente più rapido, con una velocità massima (raramente raggiungibile) di 90 km/h in spazi aperti. Un AT-ST poteva essere devastante contro la fanteria e i veicoli a repulsione e, nonostante fosse notevolmente più piccolo di un quattropode, con i suoi 8,6 metri di altezza riusciva lo stesso a terrorizzare chiunque.

Rastrelliere d'imbarco per AT-ST.
L'AT-ST aveva un equipaggio di soli due uomini, un pilota (seduto a destra) e un artigliere (seduto a sinistra), che osservavano il campo di battaglia da due portelli blindati parzialmente apribili. [5]

Il corpo e le gambe del veicolo erano corazzate con una lega di duracciaio, mentre la testa era protetta da un rivestimento supplementare contro colpi diretti di armi leggere. L'accesso all'AT-ST avveniva attraverso un boccaporto posizionato sul tettuccio, raggiungibile dai membri dell'equipaggio tramite una serie di ganci e pioli disposti ai lati della testa o attraverso pontili di imbarco reperibili in quasi tutte le basi militari.


Panoramica del cockpit con le armi e il portello d'ingresso.
La testa dell'AT-ST era indipendente dal blocco motorio e poteva girare liberamente di quasi 180 gradi. Le sue armi principali erano due cannoni blaster binati, montati nella parte inferiore della testa e aventi una gittata massima di 2 chilometri. Il resto dell'arsenale erano un blaster binato leggero sulla “guancia” sinistra e un mortaio per granate a concussione da 12 colpi su quella destra. Entrambe le armi laterali risultavano particolarmente efficaci contro le unità di fanteria, mentre i due potenti artigli saldati all'estremità di ogni piede potevano facilmente spezzare recinti e ostacoli. Per mantenere una camminata stabile, l'AT-ST montava un apparato giroscopico avanzato, coadiuvato da servomotori e da sistemi idraulici. Questo impianto stabilizzava il baricentro del mezzo ad ogni variazione di pendenza, grazie a informazioni provenienti da sensori nelle piante dei piedi. Malgrado la sofisticatezza, passando molto rapidamente da un terreno a un altro (magari accidentato), il sistema poteva subire delle fluttuazioni impreviste e guastarsi.
Rappresentazione di una cabina di AT-ST.

Su Endor, gli AT-ST subirono una devastante sconfitta causata dalle continue trappole Ewok che li colpivano danneggiando i giroscopi o rendendo eccessivamente instabile il terreno sotto i veicoli per far impazzire il sistema di bilanciamento.[3] Il difetto peggiore era che tutti questi apparati si trovavano sul retro, in un'area molto esposta al fuoco nemico; questo e l'assenza di armi antiaeree facevano dell'AT-ST, se solo e scoperto, una risorsa sprecata. L'agilità superiore e la buona potenza di fuoco lo rendevano una potente arma in battaglia, soprattutto se schierato insieme ad altri camminatori. Tuttavia, l'AT-ST era facile vittima di fuoco laser pesante e di missili.[5]

Varianti

AT-ST/A

La versione d'assalto dell'AT-ST montava gambe più lunghe, un cannone blaster pesante sotto il mento e una cabina completamente chiusa.

AT-KT

Questa versione era dotata di grandi armi nel quarto superiore di ciascuna gamba, usate nelle operazioni di guerriglia contro gli Wookiee dopo l'emanazione dell'Ordine 66.[6]

AT-CT

L'AT-CT rappresentava un modello di AT-ST specificamente riadattato per attività di costruzione e perciò dotato di braccia. Sebbene non fosse ideato per il combattimento, l'AT-CT poteva sfruttare i proiettori antigravitazionali a lato della cabina per sollevare un oggetto e scagliarlo, imprimendo abbastanza forza da trasformarlo in un'arma antifanteria.[7]

AT-RCT

Una delle prime versioni di AT-ST sviluppate durante le Guerre dei Cloni ricalcava da vicino il progetto dell'AT-RT, lasciando la cabina di guida scoperta, con il pilota e l'artigliere seduti uno dietro l'altro.[8] Questo modello diede origine ad un versatile camminatore anti-sommossa.

Storia

Esploso di un AT-ST.
Poco dopo lo scoppio delle Guerre dei Cloni, gli ingegneri della Rothana si concentrarono sullo sviluppo di un camminatore bipede di nuova concezione, il cosiddetto All Terrain Scout Transport, basandosi sulle specifiche e sui test dell'AT-XT. Per quanto consentito dal breve lasso di tempo in cui fu utilizzato, l'AT-XT conobbe un moderato successo, rimanendo però una vista rara durante tutto il conflitto.[9]

Nelle fasi finali delle Guerre dei Cloni, il Grande Esercito della Repubblica fece uso di alcuni modelli primitivi di AT-ST; l'intera guerra fu caratterizzata dal debutto di parecchi altri camminatori bipedi, come l'AT-RT.

Un AT-ST durante la Battaglia di Hoth.
Sotto l'Impero, Balmorra divenne il centro propulsivo della produzione di AT-ST. I comandanti del Nuovo Ordine capirono presto che questo mezzo rappresentava un'arma altamente versatile, eccellente contro la fanteria così come contro veicoli dalla blindatura leggera, utile anche per proteggere punti strategici e pattugliare aree ostili.

Il primo assalto su vasta scala a cui l'AT-ST prese parte fu la Battaglia di Hoth, dove fornì un supporto fondamentale agli AT-AT nello sgombrare la strada dalle truppe Ribelli e nell'accerchiare la Base Echo eliminando obbiettivi minori. Questi modelli erano equipaggiati con sensori a penetrazione in grado di rilevare instabilità nel permafrost.[10]


Nel corso della Battaglia di Endor, l'Impero impiegò gli AT-ST per fronteggiare le truppe terrestri dei Ribelli e degli Ewok. I camminatori si dimostrarono efficacissimi nello sfoltire i ranghi avversari, ma questi ultimi appresero presto come colpire gli AT-ST nel fondo della foresta: alcuni furono abbattuti con trappole Ewok e uno di
Gli AT-ST vigilavano sul bunker di Endor.
essi fu dirottato da Chewbacca con l'aiuto di alcuni guerrieri locali.[3]

Uno dei più noti difetti dell'AT-ST, cioé la sua difficoltà a mantenere un assetto stabile su terreni mobili, esplose in modo dirompente proprio durante la Battaglia di Endor, quando gli Ewok liberarono una catasta di tronchi giù per un pendio, facendoli finire sotto le zampe di un AT-ST: il mezzo - incapace di riguadagnare l'equilibrio - cadde di lato e andò distrutto. In altri casi, invece, gli Ewok ricorsero a tronchi legati ai rami degli alberi e lasciati cadere diagonalmente lungo il percorso dei camminatori.[3]

I Resti dell'Impero seguitarono ad utilizzare gli AT-ST, sebbene non in maniera estensiva.

Dietro le quinte

  • Lo script di RotS si riferisce all'AT-RT come al "camminatore scout modificato", fatto che potrebbe implicare una stretta connessione con il futuro AT-ST.
  • Durante la produzione de "L'Impero colpisce ancora" furono filmate molte altre scene con gli AT-ST, ma George Lucas decise che gli AT-AT sarebbero stati molto più impressionanti e che, al contrario, gli AT-ST avrebbero avuto un maggior impatto se visti a distanza ravvicinata.
  • Il modello di AT-ST originale ricevette qualche cambiamento estetico per la sua apparizione estensiva ne Il ritorno dello Jedi, il che spiega le piccole differenze fra i modelli dei due film.[12].

Presente in

Holoproiettore.jpg
Guarda la galleria immagini dedicata a All Terrain Scout Transport.

Comparse non canoniche

Fonti

Schema progettuale originale dell'AT-ST per Episodio VI.

Note e riferimenti

Un modello di AT-ST.