Basic Galattico Standard

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Versione del 17 giu 2010 alle 14:43 di Blackstar (Discussione | contributi) (Accenti)

Jawa 1.jpg

Utinni!

(LAVORI IN CORSO)

Lo Staff si sta attualmente occupando di questa pagina. Quando l'inserimento dell'articolo sarà completo, un membro dello Staff rimuoverà questo avviso.

Il Basic Galattico Standard (o Basic Galattico, Galattico Standard o semplicemente Basic) era il linguaggio ufficiale del governo centrale della galassia. L'alfabeto su cui si basava era noto col nome di Aurebesh.

Due scritture per il Basic: Aurebesh e Alfabeto dell'Alto Galattico a confronto.

Evoluzione

L'idioma noto come "Vecchio Galattico Standard" nacque come slang per commercianti, viaggiatori e avventurieri, e si basava su un misto di antichi linguaggi Umani, di Durese e di Bothese. La sua popolarità presso quel genere di persone, oltre alla relativa facilità e alla diffusione rapidissima che ebbe tra i mondi fondatori della Repubblica, ne fecero il linguaggio per eccellenza.
Numerazione basic alternativa.
Il Vecchio Galattico Standard fu successivamente influenzato dal Dromnyr e mutò gradualmente nel Basic standard.

Sotto l'Impero Galattico, una versione del basic - probabilmente la più vicina alla parlata di Coruscant - era nota come basic imperiale.

Il basic divenne la parlata ufficiale dell'Alleanza Ribelle, dell'Alleanza dei Pianeti Liberi, della Nuova Repubblica, dei Resti dell'Impero, dell'Alleanza Galattica e del Nuovo Impero.

Utilizzo

Gran parte delle specie senzienti entrate in contatto con la civiltà galattica erano in grado di parlare il Basic oltre alla propria lingua natia. Alcune non possedevano gli organi necessari a vocalizzarlo, come i Polis Massani, i Ssi-ruuk, i P'w'eck, gli Wookiee e molteplici razze insettoidi. La quasi totalità dei Gamorreani non poteva parlare il Basic, sebbene vi fossero eccezioni come il Governatore Kugg. Che fossero in grado di parlarlo o meno, a tutti gli esseri senzienti conveniva comprendere il Basic parlato - e la maggior parte vi riusciva senza troppe difficoltà.

La famiglia Towani insegnò agli Ewok una lingua misteriosa e non documentata, fatto che non aiutò le comunicazioni fra le piccole creature e Leia Organa, Han Solo e Luke Skywalker, la cui lingua era - appunto - il Basic. Restano ignoti i legami di questo linguaggio con il Basic.

L'Alto Galattico era un dialetto utilizzato per onorare e fare la reverenza a personaggi religiosi.

Solitamente, il Basic veniva reso in forma scritta attraverso i caratteri Aurebesh, e più raramente compariva scritto nell'Alfabeto dell'Alto Galattico.

Accenti e dialetti conosciuti

Molte culture sparse per la galassia elaborarono differenti parlate basic, ciascuna con le proprie caratteristiche peculiari.

  • Accento Barabel (Saba Sebatyne)
  • Accento Cathar (Juhani)
  • Accento corelliano (Han Solo, Wedge Antilles)—era così marcato che un Corelliano era immediatamente in grado di riconoscerne un altro non appena aprisse bocca.
  • Inflessione di Concord Dawn (famiglia Fett)—si trattava dell'accento tipico dei Mandaloriani (forse per via di contaminazioni con il loro linguaggio natio, il Mando'a), caratterizzato dalla pronuncia del tutto particolare della lettera 'e', articolata come una 'i'.
  • Accento Coruscanti (Obi-Wan Kenobi, Palpatine, Dooku)—La maggior parte degli abitanti dei Mondi del Nucleo come Mon Mothma avevano questa parlata, al contrario di cittadini di regioni più esterne come Padmé Amidala (Naboo), Luke Skywalker (Tatooine) e Leia Organa (Alderaan). Ad ogni modo, in diverse occasioni sia Amidala sia Organa adottavano una lieve inflessione Coruscanti, come al cospetto di Nute Gunray o del Gran Moff Tarkin. Si ritiene che ciò costituisse un loro stratagemma per darsi un tono ed assumere un'aria altezzosa, poiché in situazioni quotidiane e rilassate tale inflessione era del tutto assente.
  • Alto Coruscanti—versione raffinata dell'accento Coruscanti; era piuttosto ricercata e lasciava trasparire una sensibilità da classe altolocata.[1]
  • Accento eriaduano (Gran Moff Tarkin)—dovuto forse alla forte influenza di Coruscant e alla presenza di personalità dei Mondi del Nucleo in quei territori nonostante la posizione del tutto periferica rispetto al centro galattico.
  • Dialetto Gungan (Jar Jar Binks, Roos Tarpals).
  • Alto Galattico—una parlata oscura legata ai culti religiosi.
  • Accento Kaleesh (Grievous).
  • Accento neimoidiano (Nute Gunray, Rune Haako).
  • Parlata di Yoda—si trattava di una versione inusuale del basic, utilizzata esclusivamente dal Gran Maestro Jedi Yoda e dagli altri membri della sua specie tridattile, inclusa Yaddle; si distingueva per il particolare ordine sintattico: oggetto-soggetto-verbo invece di soggetto-verbo-oggetto. Altri membri della specie, come Vandar Tokare, non avevano questa parlata.
  • Accento Chiss (Baldarek, Nar Shaddaa).
  • Dialetto della famiglia Towani—i Towani insegnarono agli Ewok qualche parola in Basic secondo la loro inflessione; queste pillole di Basic non furono sufficienti alle creature perché l'anno successivo potessero comprendere Leia, Han Solo, Luke Skywalker, C-3PO, R2-D2 e il resto dei Ribelli.


Lo Wookiee Ralrracheen era in grado di vocalizzare il Basic, ma con notevoli difficoltà. Le sua abilità vocali - del tutto inusuali per la razza cui apparteneva - rendevano la sua parlata perfettamente comprensibile ai non-Wookiee; successivamente, si ritenne che altri Wookiee che presentassero caratteristiche analoghe alle sue potessero parlare il Basic—al prezzo di non poter comunicare in Shyriiwook.

Anche i Rodiani che parlassero il Basic tendevano a soffire di disturbi del linguaggio, to suffer from speech impediments as well, most notably a lisp. Avaro Sookcool e Teeloo were two such Rodians; le lettere R, L ed S erano le più difficili da pronunciare.[2][3][4]

Dietro le quinte

Il Basic e l'Inglese

Nelle opere legate a Star Wars, il Basic - con l'eccezione di qualche parola o frase coniata dagli autori - è identico all'inglese. Ciò può stare a significare due cose: o il Basic Galattico coincide de facto con la lingua inglese oggi usata sulla Terra, oppure si tratta di una traduzione eseguita per noi nel momento in cui ci vengono narrati gli eventi di Star Wars, in modo analogo a quanto accade per l'Ovestron nel romanzo di J. R. R. Tolkien Il Signore degli Anelli. La seconda tesi acquista maggior credito alla luce del fatto che altre lingue nell'universo di Star Wars (come l'Ewokese nella serie anaimata e il linguaggio parlato dalla famiglia Towani ne L'avventura degli Ewok e Il ritorno degli Ewok) sono state tradotte in inglese.

Si sottintende che qualunque successiva traduzione dall'inglese ad altre lingue reali implichi che è l'inglese ad essere tradotto, non il Basic. Di conseguenza, a prescindere dalla lingua adottata, la corrispondenza fra Basic e inglese resta immutata.

Nonostante i caratteri scritti del Basic e dell'inglese siano differenti, vi sono molteplici occasioni in cui l'alfabeto latino si fa strada nella galassia lontana lontana; tanto per citarne alcune, Obi-Wan-Kenobi (nell'originale inglese) pronuncia la frase "Non hai un piano B?",[5] Misson Vao si riferisce abitualmente a Zaalbar come al "Grande Z",[6] e molte delle matricole dei droidi sono in lettere latine. Talvolta fanno la loro comparsa anche le lettere greche, come nel caso della Squadra Delta.

Accenti

Le differenti pronunce della lingua inglese corrispondono, dal punto di vista interno alla Saga, a differenti accenti, spesso simbolo di una diversa provenienza geografica o culturale nella galassia. Il leggero accento da scozzesi colti di Ewan McGregor e Ian McDiarmid rappresenta, per esempio, l'accento Coruscanti dei film. Come regola di massima, gli Imperiali hanno un accento britannico, mentre i Ribelli tendono a parlare un inglese californiano. Sembra, ad ogni modo, che questa distinzione sia stata introdotta più rappresentare le differenze di classe che non di schieramento, poiché gli assaltatori e altri ufficiali imperiali di grado inferiore usano un accento americano e, di contro, alcuni membri dell'Alleanza come Mon Mothma si esprimono in inglese britannico. Altre parlate presenti nelle opere audiovisive in lingua originale sono:

jamaicano (Kit Fisto)
irlandese (Emon Azzameen, un ufficiale Czerka non identificato fuori Anchorhead in Star Wars: Knights of the Old Republic, Lurmen)
scozzese (Whorm Loathsom, Darth Sion e Kilian)
italiano (Bannamu e Mee Deechi)
tedesco (Nuvo Vindi)
giapponese (Neimoidiani)
New York/Brooklyn (il barista Chiss di nome Baldarek in Star Wars: Jedi Knight II: Jedi Outcast)
australiano (Owen e Beru Lars in Star Wars Episodio II: L'attacco dei cloni, i Serrocoani, Fenn Shysa ed alcuni Mandaloriani in Star Wars: Knights of the Old Republic II: The Sith Lords)
neozelandese/maori (la famiglia Fett e i soldati clone)
francese (alcuni Twi'lek, come Aayla Secura e Orn Free Taa)
ucraino ([il [Generale]] Grievous e Watto) o russo (Juhani).
svedese (Shmi Skywalker Lars)
sudafricano (i Pantorani, come Riyo Chuchi)
indiano (molti Zabrak, come Eeth Koth e Sugi) e la Regina Talia

Etimologia originale

Note

Presente in

Fonti

Note e riferimenti

Collegamenti esterni