Chiatta AT-AT di classe Theta

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Versione del 27 set 2009 alle 12:43 di FedeloKomma (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Il soggetto di questa voce è apparso nell'era dell'ascesa dell'Impero.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Ribellione.
ATATTheta 1.jpg
Chiatta AT-AT di classe Theta
Note di fabbricazione
Produttore

Incom Corporation

Tipo

Trasporto mezzi

Note tecniche
Dotazione

1 AT-AT

Utilizzo
Ruoli

Trasporto mezzi

Epoche
Affiliazione

Impero Galattico

La chiatta AT-AT di classe Theta, conosciuta anche come chiatta AT, era un trasporto aerospaziale in grado di traghettare unità terrestri voluminose da un vascello in orbita alla superficie di un pianeta. Questi giganti erano imbarcati sugli Star Destroyer e su altre navi maggiori dotate di hangar grandi abbastanza da poter sostenere la loro mole.

Il concetto alla base della chiatta AT era semplice: atterrare nel mezzo del campo di battaglia, sbarcare le unità e ritornare in orbita il più rapidamente possibile. Le chiatte AT erano disarmate e molto poco corazzate; questo spiega la ragione della loro dipendenza dalle unità a terra, alle quali spetta il compito di individuare dei luoghi di sbarco sicuri e sgombri da ostacoli.

Vi erano almeno 20 camminatori AT-AT e 30 camminatori AT-ST a bordo di ogni Star Destroyer di classe Imperial, ma spazio sufficiente per sole 12 chiatte AT. Per tale ragione, durante gli attacchi terrestri su vasta scala, gli equipaggi delle chiatte dovevano lavorare con alacrità. Il personale di volo, ospitato nella cabina a vetrate rosse posta sulla sommità del mezzo, era addestrato per essere estremamente rapido, sebbene, di fatto, il mezzo non dovesse rimanere fermo a terra per più di 20 secondi, prima di ritornare in alta atmosfera a prendere un altro carico di camminatori.

La stiva della chiatta poteva contenere vari tipi differenti di camminatori militari e di altri veicoli.

Presente in

Fonti