Commando d'assalto

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Versione del 21 mar 2011 alle 11:10 di Blackstar (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Il soggetto di questa voce è apparso nell'era dell'ascesa dell'Impero.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Ribellione.Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Nuova Repubblica.
Stormcommandos 2.jpg
Commando d'assalto
Informazioni generiche
Branca di

Corpi d'Assalto Imperiali

Informazioni tecniche
Arma principale
Armi secondarie
Equipaggiamento
  • lenti polarizzate antiriflesso
  • lenti ed elaboratore per la visione notturna
  • comlink a medio raggio (50 km) incorporato nel casco
  • tuta sigillata
  • miscela respirabile di emergenza da 1 ora
  • armatura schermata invisibile ai sensori
  • 1 cavo ad alta resistenza
  • 2 rampini uncinati
  • 4 cartucce a gas tibanna (per la ricarica del blaster)
  • 3 fari di segnalazione ionici
  • 1 razione concentrata di cibo
  • 1 comlink di scorta
  • 3 razioni d’acqua
  • 2 medpack
Informazioni aggiuntive
Affiliazione

Impero Galattico

I commando d'assalto (o storm commandos), noti anche come commando imperiali o esploratori ombra, erano un ramo d’elite dei Corpi d'Assalto Imperiali.

I membri della SpecForce ribelle avevano diversi nomignoli per indicarli, tra cui "uomini-ombra", "ombre" e "caschi neri".

Storia

Nemica naturale degli Infiltratori Ribelli, la Squadra Speciale dei commando d'assalto fu addestrata da un brillante stratega chiamato Crix Madine. Questi iniziò la sua carriera nell’Esercito Imperiale offrendosi spesso volontario per operazioni speciali. La sua buona volontà fu accolta con benevolenza dai suoi superiori che pertanto lo assegnarono ad un reparto di decrittazione, un ottimo trampolino di lancio verso prestigiose posizioni di comando. Il vero successo arrivò quando l’Imperatore, dopo la Battaglia di Yavin, commissionò al Gran Moff Tanniel la costituzione di un classe speciale di soldati d’assalto per contrastare i crescenti atti di terrorismo e guerriglia perpetrati della Ribellione.

Un commando d'assalto.
Madine, definito da alcuni "uomo illustre e altamente qualificato", venne selezionato per avviare assaltatori scelti alle discipline tattiche delle missioni d’infiltrazione ad alto rischio. I suoi allievi si mostrarono presto dotati e recettivi, cosicché le prime squadre furono attive in qualche mese. Sfortunatamente, subito dopo la missione inaugurale, Madine fu implicato in uno scandalo di corruzione. La paura di essere condotto dinanzi alla Corte Marziale Imperiale lo indusse a disertare per unirsi alla Ribellione, presso la quale si impegnò come generale e stratega stipendiato.

La classe di soldati da lui creata, però, permase anche dopo il suo tradimento. I commando d'assalto si specializzarono in operazioni rompi-assedio, nel rapimento e nel sabotaggio, oltre a mostrare un’innata capacità nello spianare la strada agli assalti delle truppe pesanti colpendo obbiettivi strategici. Intraprendenti e spesso costretti ad agire in solitaria, erano addestrati all’autosufficienza, difficilmente sprecavano armi ed equipaggiamento ed erano maestri nel tutelare la propria incolumità.

Equipaggiamento

L’armatura, completamente colorata di nero, era una versione -corazzata ma flessibile- della divisa da Scout troopers. Progettata dal dottor Nashiak Llalik, era ricoperta di un polimero avvenieristico chiamato Reflec, capace di riflettere la luce e le onde elettromagnetiche dei sensori lontano dal soldato, producendo un’interferenza o una traccia casuale in un eventuale rilevatore.

Affinché i commando d'assalto fossero agevolati nelle loro missioni, l’armatura includeva un piccolo silenziatore ambientale, numerose armi nascoste e un detonatore termico che il commando poteva far esplodere in caso di cattura.

I commando d'assalto erano addestrati a pilotare particolari caccia a loro riservati, detti TIE Hunters, la cui posizione era segreta, tanto che di solito decollavano da località semisconosciute o da insospettabili portacaccia. Nel secondo caso, i portacaccia erano sotto il controllo degli stessi commando.

Tattiche operative

Luke Skywalker lotta con i commando d'assalto su Corellia.
Una squadra di commando d'assalto era composta da un minimo di 4 fino a un massimo di 40 unità. A sua volta, essa era divisa in quattro sottogruppi; il primo era formato da un reparto di truppe standard, con le capacità e l’attrezzatura dei soldati ordinari. Il secondo era costituito da uno squadrone d’assalto, esperto nelle caratteristiche tecniche dei mezzi Ribelli e addestrato per guidare i veicoli espugnati ed azionarne le armi. Il terzo comprendeva i soldati esperti in demolizioni e nel sabotaggio. L’ultimo constava in una squadra di tecnici capaci di riparare e modificare a proprio piacimento qualsiasi tecnologia gli passasse per le mani. Sebbene estremamente efficaci, le Squadre Speciali non erano numerose poiché difficili da addestrare e accudire.

Un genere di missione particolarmente importante era l’acquisizione di nuove tecnologie tramite la cattura di scienziati ostili o indisponenti, come accadde nello 0 ABY durante l’assalto su Ralltiir. In questa battaglia, un famoso commando, Sarkli, abbandonò l’Alleanza Ribelle per unirsi all’Impero.

Qualche volta erano incaricati di catturare disertori come Tycho Celchu, che sfortunatamente fu salvato da Luke Skywalker. Altre volte, invece, dovevano fomentare rivolte su pianeti nemici o sedare insurrezioni su mondi imperiali.

E’ probabile che i commando d'assalto fossero l’evoluzione dei soldati clone ombra e dei commando cloni del Grand’Esercito della Repubblica.

Presenti in

Un commando d'assalto.

Fonti