Huttese

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Questa pagina contiene informazioni che sono considerate Canone.
Una frase scritta in lingua Huttese.
L'Huttese era la lingua parlata dagli Hutt, una razza di esseri simili a lumache giganti originari di Nal Hutta. Veniva spesso parlato anche in pianeti da essi controllati come ad esempio Tatooine. Anche in altri pianeti come Lothal, dove gli Hutt non erano al potere, la loro lingua era comunque diffusa. Ciononostante, l'Huttese era normalmente sconosciuto agli assaltatori imperiali, la maggior parte dei quali non era in grado di parlare altro all'infuori del Basic.

L'Huttese aveva certe somiglianze strutturali con l'Aqualish e il Rodiano, abbastanza che se si imparava una di queste lingue, le altre erano più semplici da apprendere.

Parole e frasi conosciute

  • H'chu apenkee!—"Salve!"
  • Chuba!—"Ehilà!"
  • Pateesa—"Amico"
  • Moulee-rah—"Soldi"
  • Boska!—"Andiamo!"
  • Mee jewz ju!—"Addio!"
  • Ban gon wan she co, cah.—"Non ci saranno negoziati."
  • Wee now kong bantha poodoo.—Ora sei cibo per i bantha."
  • Solo bolkubok-u-chala.—Mi piace il capitano Solo lì dov'è."
  • Die wanna wanga.—Un saluto.
  • Yoka to Bantha poodoo.—"Sei bantha poodoo."
  • Peedunkee, caba dee unko.—"Ragazzo, entra qui!"
  • Coona tee-tocky malia.—"Perchè ci hai messo tanto?"
  • Tinka me chasa hopoe ma booty na nolia.—"Credono che non sappiamo niente."
  • Bonapa keesa. Tolpa da bunky na booty cha naga o wanna meete chobodda.—"Sarà meglio fermare il tuo amico o finirò per vincere anche lui."
  • Murishani… sleemo.—"Cacciatore di taglie… feccia."
  • Stuka Crispo—"Ronda della Morte."
  • Hagwa je killya, dolpa kikyuna!—"Non farmi del male perchè sono un onesto cittadino che paga le tasse." (Traduzione approssimativa)
  • Dobrah gusha tu trawbbio grandio, mendeeya.—"Sarebbe un onore se il grande lo prendesse." (Traduzione approssimativa)
  • Noah, noah!—"No, no!"
  • Me juuz ku, wermo!—"Ci vediamo, idioti!"
  • E chu ta!—Un insulto.
  • Tooska chai mani.—Un'offesa riguardante la madre della persona insultata e un capo dei Predoni Tusken.