Jedi Oscuri

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Versione del 1 feb 2009 alle 10:17 di FedeloKomma (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Asajj Ventress, una Jedi Oscura.
"Un’audace pretesa, ma tu non sei un Sith. Indossi le vesti dei Sith, combatti come i Sith… ma questo può essere imitato. Tu manchi di una qualità essenziale presente in tutti i Sith. I Sith non hanno paura, e io sento molta paura in te."
Darth Tyranus ad Asajj Ventress[fonte]

Descrizione e rapporto con i Sith

I Jedi Oscuri, conosciuti anche come “Jedi Caduti”, erano Jedi – oppure più generalmente persone sensibili alla Forza – che sceglievano di abbandonare la via della luce e di imboccare quella dell’oscurità, abbracciando così il Lato Oscuro della Forza. Talora, la solitudine e lo sconforto portavano i Jedi a scegliere questo sentiero.

Benché il nome di Jedi Oscuro sia solitamente riferito a utilizzatori del Lato Oscuro non Sith, quindi ad un livello inferiore dai più potenti guerrieri delle tenebre, in passato furono proprio i Jedi Caduti a iniziare la stirpe dei Signori Oscuri dei Sith. Il nome “Jedi Oscuro” rimase quindi a indicare chi, pur facendo uso del Lato Oscuro della Forza, non era un Sith, o per scelta o per negazione da parte dei Signori Oscuri effettivi. Il primo Jedi Oscuro, ancor prima dell’Oscurità Centenaria che portò a questi avvenimenti, fu Xendor.

Storia

Era della Vecchia Repubblica

I primi Jedi Oscuri comparvero nei primi anni della Repubblica Galattica, allorché Xendor creò un esercito oscuro noto con il nome di Legioni di Lettow. Alla fine, a causa del debole supporto che ricevettero, queste Legioni (cui sopravvisse solo Arden Lyn), per molto tempo non vi furono altri scismi, fino a circa settemila anni prima della Battaglia di Yavin, quando un gruppo di Jedi Caduti rinnegò il proprio Ordine e diede inizio all’Oscurità Centenaria, un conflitto secolare che li oppose ai Jedi e alla Repubblica. Sconfitti e cacciati, si recarono su Korriban e avviarono il primo Impero Sith, divenendone i Signori Oscuri.

Spesso, i Jedi Oscuri si mettevano al servizio dei Sith per impararne le conoscenze e i poteri, anche se difficilmente vedevano compiersi il loro desiderio. Altre volte, viaggiavano solitari, alla ricerca della propria strada per il potere. Un esempio di questi ultimi fu Lady Lumiya, che successivamente si autoproclamò Signora Oscura dei Sith. All’epoca delle Guerre dei Cloni, anche una cacciatrice di taglie, Aurra Sing, era addestrata all’uso del Lato Oscuro.

I Signori dei Sith fecero usualmente largo uso dei Jedi Oscuri come guerrieri della Forza “sacrificabili”. Nel secondo Impero Sith, chi voleva divenire Sith doveva prima passare un periodo come Jedi Oscuro. Se lo passava, poteva venire addestrato da un Maestro Sith, in caso contrario rimaneva Jedi Oscuro. Innumerevoli furono i Jedi che, durante la Guerra Civile Jedi, scelsero questo buio retaggio.

Guerre dei Cloni

L’ Ordine Sith, dopo Darth Bane, continuò ad adoperare i Jedi Oscuri per creare un esercito delle tenebre, senza però infrangere la Regola dei Due. Durante le Guerre dei Cloni, il Conte Dooku su ordine del suo maestro creò un agguerrito esercito di Accoliti Oscuri, fra cui spiccavano Asajj Ventress e Sora Bulq (nonostante questo, Dooku disprezzava i Jedi Oscuri giudicandoli “brutte copie” dei Sith e sostenendo che il loro potere era nullo in confronto a quello dei Signori dei Sith).

Guerra Civile Galattica

Un Dark Jedi di Bpfassh.
Durante la Guerra Civile Galattica, questo fu incrementato a dismisura: Palpatine e Darth Vader, addestrando loro stessi i Jedi Oscuri, crearono intere organizzazioni di combattenti oscuri, votandoli alla causa dell’ Impero Galattico. Fra di esse, spiccavano le Braccia dell’Imperatore, un ordine di agenti speciali fedelissimi a Palpatine.

Era post-Palpatine

Dopo la Battaglia di Endor e la frammentazione dell’Impero, i Jedi Oscuri a loro volta si divisero, creando diverse organizzazioni per il dominio sulla Galassia. Fra le fazioni imperiali in conflitto, l’ Impero Risorto creò un’intera legione di Shadowtroopers, avvalendosi dell’aiuto di Desann e Tavion Axmis. I Sette Jedi Oscuri, al servizio di Jerec, partirono invece alla ricerca della mistica Valle dei Jedi. L’Imperatore Palpatine risorto riorganizzò a sua volta un gruppo di Jedi Oscuri, fondando l’ Elite del Lato Oscuro e circondandosi di funzionari più o meno addestrati all’uso della Forza. In ultimo, il Secondo Imperio tentò di ricostruire un massiccio ordine di Jedi Oscuri guidato da Brakiss.

Era del Nuovo Ordine Jedi

La Guerra degli Yuuzhan Vong vide molti pochi Jedi Oscuri ancora in circolazione. Durante tale conflitto e la crisi del Dark Nest molti di loro vennero uccisi. Il Nuovo Ordine Sith, seguendo i dogmi imposti dalla Regola dell’Uno, non si circondò di guerrieri Jedi Oscuri.

Il sentiero dei Jedi Oscuri

Benché i peggiori di loro fossero assai crudeli e spietati, non tutti i Jedi Oscuri erano così impregnati di Lato Oscuro come i Sith. Personaggi famosi come Juhani, Bastila Shan, Atris, Quinlan Vos, Kyp Durron e molti altri, pur essendo stati profondamente sedotti dalle tenebre, riuscirono a redimersi e a dare un rimarchevole contributo alla causa della luce.

Jedi Oscuri noti

Jedi Oscuri divenuti Sith

Aurra Sing, una pericolosa Jedi Oscura.