Kel Dor

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Versione del 24 lug 2010 alle 21:50 di Blackstar (Discussione | contributi) (Presenze non canoniche)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Yoda 10.JPG

Maestro Qui-Gon, altro da dire tu hai?

E' stato richiesto un approfondimento di questa voce.

Per favore, migliora questa voce rispettando le linee guida del DataBank e rimuovi questo avviso una volta terminato il lavoro.

Kel dor.jpg
Kel Dor
Classificazione biologica
Caratteristiche fisiche
Altezza media

1.8 mt.

Pelle

dal rosa pesca al rosso scuro

Caratteristiche socio-culturali
Pianeta d'origine

Dorin

Lingua

linguaggio Kel Dor, basic

Membri noti

Yith Ganar, Plo Koon, Sha Koon, Doln Tok, Sha Dun

Umanoidi dalla pelle color arancione, i Kel Dor portavano una maschera che gli permetteva di respirare su Coruscant e su tutti i pianeti della galassia in cui l’atmosfera avesse predominanza di ossigeno. Provenivano da Dorin, un pianeta di cui si sapeva poco di cui però si supponeva avesse un'atmosfera con una miscela di gas inusuale. Avevano prominenti organi sensoriali esterni che gli permettevano di interpretare gli stimoli esterni di base così come gli impulsi extra-sensoriali. Avevanouna grande concentrazione e volontà a discapito della discreta forza fisica, erano noti per la loro natura compassionevole e per la loro bontà di cuore, ma anche per la loro rislutezza e il loro forte senso di giustizia. Si credeva anche che i Kel Dor che avevano occhi argentei fossero molto sensibili alla Forza, ma non è stata trovata alcuna prova che dimostrasse tale relazione. Il più famoso esponente di questa razza fu Plo Koon, Maestro Jedi presente nel consiglio dell'Ordine Jedi.

Presente in

Gnost-Dural, un Maestro Jedi Kel Dor dell'epoca della Grande Guerra.

Presenze non canoniche

Holoproiettore.jpg
Guarda la galleria immagini dedicata a Kel Dor.

Fonti

I giocatori di Jedi Academy possono far sì che Jaden Korr sia di razza Kel Dor (scelta non canonica).

Note e riferimenti