Rugor Nass

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Versione del 29 giu 2010 alle 12:14 di Blackstar (Discussione | contributi) (Creata pagina con '{{vecchio_db}} '''Rugor Nass''' era un Gungan di etnia Ankuran, leader del popolo Gungan negli anni attorni all'Invasione di Naboo. ==Biografia== Vi erano molte voc...')

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
Errore nella creazione della miniatura: File mancante

Chiedo scusa per l'inganno, ma era necessario alla mia protezione.

Questa voce è presa direttamente dal vecchio databank di SWX.

Questo testo è da considerarsi temporaneo in quanto non wikificato. Per favore, segui le linee guida del DataBank e riscrivi la scheda.

Rugor Nass era un Gungan di etnia Ankuran, leader del popolo Gungan negli anni attorni all'Invasione di Naboo.

Biografia

Vi erano molte voci riguardo alla sua infazia e alla sua giovinezza, ma tutte ruotavano intorno al fatto che Nass avesse mostrato le qualità di leader fin da quando era un giovane Gungan.

Oltre a questo vinse la Grande Gara Libera e Cattiva, la competizione agonistica più probante e famosa che si svolgeva al Festival dei Guerrieri Gungan ogni 3 anni. Ebbe diversi impieghi prima di diventare il Boss di Otoh Gunga: soldato, ingegnere, minatore, ed esecutivo. Boss Nass era noto fra i Gungan per essere stato colui che era riuscito nell’impresa di unire le razze Ankuran e Otollan. Questa unione portò ad un rapido sviluppo della tecnologia e all’inizio di un fiorente commercio fra le due razze, oltre che alla costruzione della sterminata citta subacquea di Otoh Gunga, creata con bolle fatte con una particolare pianta (la bubble wort) e altri segreti ben custoditi. Era un grasso Ankurano Boss Nass, il cui immenso peso corporeo aveva schiacciato il suo scheletro in modo da farlo diventare più corto di quello che prevede l’anatomia Gungan. Soffriva anche di diversi tic nervosi, e spesso sfogava la sua insoddisfazione scuotendo violentemente le guance.

Durante la Battaglia di Naboo, Boss Nass tentò di rimanere estraneo alla guerra, lasciando agli snob Naboo l’incombenza di occuparsi degli eserciti invasori. Nonostante ciò, quando la Regina Amidala si presentò al suo cospetto e gli chiese aiuto inginocchiandosi in segno di stima, rispetto e umiltà, Boss Nass cambiò idea. In Amidala, egli aveva trovato un leader Naboo che aveva l’intenzione di eliminare i pregiudizi del passato e di lavorare insieme per la costruzione di un futuro radioso per entrambe le razze.

Pertanto mise a disposizione dei Naboo il Grande Esercito Gungan per sconfiggere i droidi della Federazione. I Gungan affrontarono la battaglia con grande coraggio e, nonostante la perdita di numerose vite, ebbero la meglio, riuscendo a tenere occupati i droidi abbastanza da permettere al piccolo Anakin Skywalker di distruggere la Nave Controllo Droidi, e da permettere alla Regina Amidala di catturare il Vicerè Nute Gunray e il suo braccio destro Rune Haako, mettendo fine al blocco su Naboo.

Dopo la stipulazione di questa alleanza, Nass decise di aprire le porte del regno Gungan ai visitatori esterni. Per preservare l’ecosistema del Lago Paonga e della natura selvaggia circostante, promosse un’iniziativa per colonizzare una delle lune di Naboo: Ohma-D’un. Questo significò la nascita del primo programma spaziale Gungan, e fu un grande passo verso l’unione della loro cultura a quella del resto della comunità galattica.

Nei decenni successivi, Boss Nass decise che la leadership del Cancelliere, e in seguito Imperatore, Palpatine, non fosse degna di avere il suo supporto. Nass decise inoltre di supportare in seguito l’Alleanza Ribelle durante la Guerra Civile Galattica, impegnandosi a distruggere ogni Imperiale che avesse tentato di stabilirsi a Naboo.