Saw Gerrera

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Versione del 31 gen 2017 alle 14:23 di Eterea (Discussione | contributi)

(diff) ← Versione meno recente | Versione attuale (diff) | Versione più recente → (diff)
DarthVader 1.jpg

No. Io sono tuo padre!

Attenzione! Questa voce contiene SPOILER IMPORTANTI su prodotti recentemente pubblicati o in via di pubblicazione. Leggere con cautela.

Questa pagina contiene informazioni che sono considerate Canone.
Saw-gerrrera-rogue-one.jpg
Saw Gerrera
Informazioni biografiche
Pianeta d'origine

Onderon

Descrizione fisica
Razza

Umano

Sesso

Maschio

Altezza

1.87 mt

Capelli

Neri / Grigi

Occhi

Verdi / Marroni

Pelle

Scura

Protesi

Gamba destra cibernetica

Informazioni storiche e politiche
Affiliazione
"Non sono un terrorista. Sono un patriota. E la resistenza non è terrorismo."
―Saw Gerrera[fonte]

Saw Gerrera fu un maschio umano, leader dei ribelli di Onderon che lottarono contro l'occupazione della Confederazione dei Sistemi Indipendenti durante le Guerre dei Cloni. Lui e sua sorella Steela Gerrera furono fondamentali nella liberazione del loro pianeta durante la Battaglia di Onderon. In seguito divenne un membro chiave della lotta contro l'Impero Galattico e della formazione dell'Alleanza per la Restaurazione della Repubblica. Le sue tattiche contro l'Impero lo portarono spesso ad essere etichettato come estremista, tanto che la sua fama era ben nota dall'Impero e anche molti anni dopo dalla Nuova Repubblica.

Biografia

Guerre dei Cloni

Saw Gerrera nacque sul pianeta Onderon e, insieme a sua sorella Steela, era un sostenitore del Re Ramsis Dendup, il governante del pianeta durante le Guerre dei Cloni. Dendup scelse di mantenersi neutrale, una decisione che Gerrera appoggiò. Tuttavia, il rifiuto del re di scegliere una parte, portò la Confederazione dei Sistemi Indipendenti ad occupare il pianeta, rovesciarlo dal trono e mettere al suo posto il loro burattino: Sanjay Rash. Saw si rifiutò di riconoscere l'autorità del nuovo re e si ribellò alla corona, cosa che lo portò ad essere espulso dalla capitale Iziz insieme a Steela. Nelle giungle del pianeta, i fratelli Gerrera, Lux Bonteri—il figlio dell'ultima senatrice onderoniana Mina Bonteri—diedero vita ad un movimento di resistenza per scacciare i Separatisti da Onderon e rimettere Dendup sul trono.

Battaglia di Onderon

Saw Gerrera durante le Guerre dei Cloni.
In un avamposto nella giungla, Gerrera e Bonteri chiesero aiuto all'Alto Consiglio Jedi, il quale inviò Obi-Wan Kenobi, Anakin Skywalker e Ahsoka Tano per addestrare i ribelli, non potendo prendere parte attivamente alla lotta in quanto Onderon non era formalmente alleato della Repubblica Galattica. Dopo aver respinto un attacco dell'armata droide che aveva individuato il loro nascondiglio, i ribelli e i Jedi si recarono ad Iziz per completare la loro missione.

Gerrera iniziò a dare battaglia ai droidi per le strade di Iziz, tuttavia Steela era convinta che fosse necessario un approccio più moderato per non spaventare la popolazione. I ribelli decisero così di distruggere i generatori separatisti. Dopo il successo nell'attacco, Gerrera fu molto deluso quando fu scelta sua sorella come leader del movimento ribelle. Quando giunse voce che i Separatisti intendevano giustiziare Dendup, Saw decise di portarlo in salvo. Così si infiltrò nel Tempio di Unifar ma, prima di poter scappare con Dendup, fu intrappolato dai droidi e da uno scudo impenetrabile.

Gerrera fu così torturato e interrogato dai Generali Kalani e Tandin ma riuscì a convincere quest'ultimo ad aiutarlo a riportare Dendup sul trono e liberare Onderon dalla Confederazione. Quando era tutto pronto per l'esecuzione di Dendup in Piazza Yolahn, i ribelli intervennero per portarli in salvo al loro rifugio. Di nuovo attaccati dall'armata droide, i ribelli riuscirono a respingerli nuovamente ma, durante l'attacco, Gerrera dovette assistere impotente quando sua sorella precipitò in un dirupo. Biasimandosi per non averla protetta, Gerrera partecipò in seguito al suo funerale tenutosi nella Piazza Yolahn di Iziz.

Età dell'Impero

Resistenza all'Impero

In seguito alla trasformazione della Repubblica in Impero Galattico, Gerrera lottò contro le forze imperiali, organizzando un gruppo di ribelli che divennero noti come i Partigiani. Durante questo periodo, ingaggiò un mercenario Lasat e diede battaglia ad un plotone imperiale guidato dall'Agente Kallus dell'Ufficio di Sicurezza Imperiale, quando questo fu inviato su Onderon per placare la rivolta.

Nel 13 BBY, Saw venne incaricato di proteggere Jyn Erso, figlia di Lyra e Galen Erso, dopo che la prima fu uccisa e il secondo sequestrato da Orson Krennic per continuare il suo lavoro sulla Morte Nera. Saw addestrò Jyn facendola diventare un membro del suo movimento estremista. Man mano che Jyn cresceva, Saw divenne sempre più paranoico e arrivò a temere che un giorno Jyn sarebbe stata riconosciuta come la figlia di un noto collaboratore dell'Impero e quindi sfruttata o usata per ricattare Galen. Così, quando Jyn aveva 16 anni, decise di abbandonarla in un bunker con nient'altro che un coltello e un blaster per difendersi. Le disse di aspettare nel bunker fino a mattina, ma a quel punto Saw era già scomparso. Si giustificò dicendo a se stesso, e in seguito anche a lei, che era già uno dei suoi agenti migliori e che sapeva sarebbe sopravvissuta senza il suo aiuto. La decisione, tuttavia, venne vista da Jyn come un tradimento, che divenne disillusa nei suoi confronti e in quelli della Ribellione in generale.

Missione su Geonosis

Saw Gerrera su Geonosis.
Nel 2 BBY, il Senatore Bail Organa e il Comando Ribelle inviò Saw Gerrera e la sua squadra di Partigiani ad investigare sulla scomparsa della razza dei Geonosiani. Dopo aver perso i contatti con la squadra di Gerrera, Organa e il Comandante Jun Sato della cellula ribelle Fenice inviarono il gruppo di Hera Syndulla ad investigare. Durante la missione, i ribelli salvarono Saw e conobbero il Geonosiano Klik-Klak, dal quale scoprirono che l'Impero aveva perpetrato un genocidio sui Geonosiani. Hera e Kanan Jarrus riferirono così quanto scoperto al Senatore Organa che, nonostante le prove fossero insufficienti per essere esposte al Senato Imperiale, era sicuro che quella scoperta avrebbe portato altri mondi a schierarsi contro l'Impero. Nonostante Organa e Sato considerassero la missione un successo, per aver salvato Saw e per aver ottenuto nuovo equipaggiamento, Saw era molto deluso di non avere ancora scoperto cosa l'Impero stesse costruendo su Geonosis. Kanan lo rassicurò dicendogli che prima o poi l'avrebbero scoperto.

Ricongiungimento con la Erso

Nello 0 BBY, Saw Gerrera e la sua fazione avevano ormai rotto i rapporti con l'Alleanza Ribelle, in quanto le sue campagne contro l'Impero erano diventate sempre più brutali e Mon Mothma era arrivata a considerarlo un irrimediabile estremista, rifiutando di mantenere con lui rapporti formali. A quel tempo, Saw aveva perso entrambe le gambe inferiori e camminava con protesi cibernetiche. Anche i suoi polmoni erano danneggiati e lo costringevano ad usare una tuta pressurizzata e a prendere regolarmente ossigeno supplementare da una mascherina respiratoria.

Saw Gerrera su Jedha.
Poco prima della Battaglia di Scarif, gli uomini di Saw catturarono Bodhi Rook, un pilota imperiale che aveva recentemente disertato. Pensando che si trattasse di un trucco architettato dall'Impero, Saw usò un Bor Gullet per leggergli la mente e dopo lo chiuse in cella. In seguito, quando Cassian Andor, Jyn Erso, Chirrut Îmwe e Baze Malbus furono portati alla sua base, lui incontrò solo Jyn e le domandò come mai si trovasse lì, se fosse lì per ucciderlo. Lei rispose che era stata mandata per prendere il messaggio che gli aveva inviato suo padre e che poi se ne sarebbero andati. Saw le chiese come mai non credesse nel sogno di libertà nella galassia, Jyn rispose che era stata abbandonata all'età di sedici anni e che quella guerra non significava niente per lei. Saw le mostrò allora il messaggio di Galen, il quale rivelava di aver nascosto una debolezza nella Morte Nera, la nuova superarma imperiale. Poco dopo, la Morte Nera fece fuoco sulla Città Santa e Saw decise di restare in quanto era stanco di scappare. Venne ucciso dall'onda d'urto che poco dopo raggiunse il suo nascondiglio.

Retaggio

Al tempo della Nuova Repubblica, alcuni come il Senatore Centrista Ransolm Casterfo ricordarono Saw Gerrera e i suoi Partigiani come estremisti violenti che avevano rappresentato il peggio dell'Alleanza Ribelle. Casterfo citò le azioni di Saw come prova delle atrocità autorizzate dall'Alleanza durante una discussione politica con la Senatrice Populista Leia Organa.

Dietro le quinte

Il personaggio di Saw Gerrera è doppiato da Andrew Kishino nella serie animata Star Wars: The Clone Wars e interpretato da Forest Witaker in Rogue One: A Star Wars Story. Il suo personaggio è stato concepito da George Lucas per la serie TV live action mai realizzata Star Wars: Underworld.

Presente in