Star Dreadnought di classe Assertor

Da SWX | DataBank Italiano su Star Wars - Guerre Stellari.
Il soggetto di questa voce è apparso nell'era della Ribellione.
Wrath cl Assertor.jpg
Star Dreadnought di classe Assertor
Note di fabbricazione
Produttore

Kuat Drive Yards

Serie
Modello

Star Dreadnought di classe Assertor

Tipo

Star Dreadnought

Note tecniche
Lunghezza

15.000 metri

Unità motrici

28 propulsori a poppa

Sistema di iperguida

Equipaggiata

Armi

Equipaggiata

Utilizzo
Ruoli
Affiliazione

La Star Dreadnought di classe Assertor era una classe di Star Dreadnought usata dalla Marina Imperiale. La Wrath apparteneva a questa classe.

Caratteristiche

La parte posteriore di una Assertor

La Star Dreadnought di classe Assertor aveva la forma dello scafo simile alla Star Dreadnought di classe Executor, essendo a forma di cuneo, e possedeva inoltre 28 propulsori a poppa e una iperguida di classe 2.

Sulla parte superiore della nave si trovava una grande e prominente cresta, dalla poppa fino a pochi metri dalla prua, che conteneva diverse armi così come il ponte di comando, un po' simile in aspetto al crinale della Dreadnought di classe Bellator. L'aspetto della torre del ponte era simile a molti altri Star Destroyer, la nave era dotata di una grande quantità di armi montate sulla parte superiore della nave, come pure sulle superfici dorsali e ventrali, molte delle quali erano state modellate.

Sul fondo, la nave, oltre al suo enorme armamento, possedeva anche una superficie a forma di grande cupola, vicino alla poppa, simile a quella del Reattore a Ionizzazione Solare I-a2b, nonché tre creste direttamente dietro la cupola e due ai lati di fronte alla prua.

Storia

Una Assertor viene rifornita da una nave di rifornimento di classe Altor insieme a diversi incrociatori da battaglia e Star Destroyer

La classe Assertor servì l'Impero Galattico durante la Guerra Civile Galattica come nave di comando a piattafoma pesantemente armata. La classe consisteva in almeno due navi, di cui una ad un certo punto si trovava in servizio e in rifornimento alla Stazione Navale di Validusia. Durante un esercizio della flotta, la nave finì per essere rifornita di carburante da una nave di rifornimento di classe Altor, accanto ad un incrociatore da battaglia di classe Allegiance.

Ad un certo punto, una Star Dreadnought di classe Assertor, la Wrath, condusse una Operazione Base Delta Zero. La nave era a capo di una flotta composta da Star Destroyer di classe Imperial I e Imperial II, almeno uno Star Destroyer di classe Interdictor. La flotta aveva anche a disposizione almeno una squadriglia di TIE/D Defender.

Navi conosciute

Dietro le quinte

"Meno tempio del Lato Oscuro e arma del terrore, più ottimizzazione fondamentale, la flotta "convenzionale" contro una crescente Nuova Repubblica"
―Ansel Hsiao[fonte]
Diverse navi classe Assertor attraccate alla Stazione Navale di Validusia

La Star Dreadnought di classe Assertor è nata come progetto fanon - fan fiction - di Ansel Hsiao, immaginata come nave da guerra lunga 15 km con produzione di energia equivalente a circa 400 Star Destroyer di classe Imperial. Egli ha basato il disegno su un antecedente esistente. Agli inizi del 1900, il Senatore Benjamin Tillman, stanco della pratica della US Navy di richidere ogni anno navi da battaglia un po' più grandi, disse semplicemente loro di progettare navi da guerra "massime" che potessero essere limitate soltanto dalla loro capacità di attraversare il Canale di Panama. L'artista l'ha immaginata con un design più pratico destinato a lottare contro la Nuova Repubblica.

Il modello di Ansel Hsiao

Il design è entrato nella continuità quando è apparso in The Essential Guide to Warfare, in cui |Ansel ha lavorato come illustratore. Jason Fry, autore di The Essential Guide to Warfare, ha confermato che la lunghezza e la classificazione della classe Assertor sono state registrate nella continuità ufficiale nel suo blog, ma ha dichiarato sul forum in TheForce.Net che non tutti i calcoli di potenza o altre informazioni, non menzionate nelle note di chiusura, non erano necessariamente canoniche.

Fonti