Che fine ha fatto Revan?

1060
letture recenti

Quasi sicuramente, chi ha giocato con passione a Knights of the Old Republic avrebbe preferito vedere questi avvenimenti in un KOTOR III, invece dobbiamo accontentarci di conoscere il destino di Revan e dell’Esule nel recente romanzo di Drew Karpyshyn e intitolato, appunto, Revan. Abbiamo deciso di riportare qui di seguito le maggiori rivelazioni fornite dal romanzo, senza dover aspettare l’aggiornamento del DataBank, che comunque ci sarà (naturalmente l’aiuto degli Utenti è ben accetto!), per preparare i futuri giocatori di The Old Republic al background della storia che li attende.

-ATTENZIONE- Per quanto attualmente non sia prevista un’uscita italiana di Revan, avvertiamo che l’articolo contiene spoiler sul romanzo.

Chi è l’Imperatore Sith?

Questa è probabilmente una delle domande principali a cui risponde il romanzo, raccontandone diffusamente l’origine. Il vero nome dell’Imperatore è Tenebrae, figlio bastardo di Dramath, signore di Medriaas ai tempi di Marka Ragnos. A 13 anni rovescia Dramath e prende il controllo del pianeta, ribattezzandolo Nathema e ricevendo dallo stesso Marka Ragnos il titolo di Lord Vitiate. Dopo la sconfitta nella Grande Guerra Iperspaziale, Vitiate convoca i Signori dei Sith su Nathema, dove prosciuga la loro essenza vitale nonché quella del pianeta stesso (tipo Darth Nihilus, per intenderci) e diventa immortale, quindi si stabilisce su Dromund Kaas. Il resto è storia.

La famiglia Shan.

Ebbene sì, alla fine degli avvenimenti di KOTOR, Revan e Bastila si sposano. Dal loro amore nasce Vaner Shan, che diventa un politico della Repubblica; suoi figli sono Bress e Reesa. Sicuramente Satele Shan discende da questi ultimi.

Il nome dell’Esule.

Meetra Surik.

La sorte di Revan e dell’Esule

Veniamo finalmente a quello che è il nocciolo del romanzo. A seguito degli avvenimenti di KOTOR, Revan giunge su Nathema, ma qui viene sconfitto da Lord Scourge, “l’Ira dell’Imperatore”, e portato su Dromund Kaas come prigioniero di Darth Nyriss, membro del Consiglio Oscuro che progetta di usurpare l’Imperatore.

Tre anni più tardi, l’Esule giunge su Dromund Kaas insieme a T3-M4 e libera Revan con la complicità di Scourge e Nyriss, intenzionati a mandare avanti il proprio complotto. Scourge fa però il doppio gioco: prima giustizia Nyriss, quindi uccide l’Esule, mentre l’Imperatore distrugge T3.

Nel duello finale, Revan viene sconfitto. L’Imperatore dona l’immortalità a Scourge e chiude Revan in una prigione, prosciugandone lentamente ma inesorabilmente la linfa vitale. Solo lo spirito dell’Esule gli consente di restare in vita.

Commenti

commenti

7 COMMENTI

  1. Visto che tanto al 99% non leggerò il romanzo e che non gioco a The Old Republic ho letto.
    E che tristezza, Revan, l’Esule, finiti così..
    Però è giusto che non tutte le storie vadano a buon fine..

  2. Quindi dovrò continuare a rigiocare per sempre a kotor per poter usufruire di revan, dato che a quanto pare neanche in swtor verra ripreso.
    L’avete già detto ma, è veramente triste, anche se travolgerei la saga

  3. “mentre l’Imperatore distrugge T3.” Un duello alla pari fra i più avvincenti di sempre, ne sono sicuro!
    lol
    A parte questo… W0lfrain, la ricomparsa di Revan in TOR non la darei scontata al 100%. Almeno per quanto deducibile da questo riassunto, Revan non è morto. L’Imperatore lo usa per tenersi in vita, Revan usa lo spirito dell’Esule e… Beh, l’Esule è uno spirito, quindi non può morire materialmente xD

  4. Sono veramente allibita per la fine di Revan, da sempre uno dei miei personaggi preferiti. Non la capisco e non mi piace per niente. (In)degna fine per uno dei migliori.

  5. Scusate la volgarità, ma è una stron-za-ta, pure e semplice. Non mi possono fare queste cose ne a l’esule, ne tantomeno a Revan.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.