Il Cattivo della Settimana: Adas

400
letture recenti

Oggi vi presentiamo una nuova rubrica curata dal nostro amico Sebastiano Ardigò: “IL CATTIVO DELLA SETTIMANA” in cui approfondiremo un tema legato al lato oscuro, con particolare attenzione al vecchio canone, per aiutare anche i nuovi fan a orientarsi nel mondo di Star Wars Legends, sia al nuovo canone. Ecco a voi la prima puntata:

ADAS: Da dove tutto ebbe inizio

Una nuova rubrica sta per esservi presentata, carissimi internauti e followers di SWX.it, che si occuperà settimanalmente, compatibilmente con gli impegni e la speranza che possiate seguirla con interesse, di analizzare i cattivi di Star Wars: la maggior parte saranno Sith, come è giusto che sia, ma più avanti verranno analizzati anche i Mandaloriani, i Krath, ecc… oltre ai luoghi e ai pianeti stessi, fra quelli distrutti e quelli caratterizzati dalla presenza del lato oscuro.

Il primo “Cattivo della Settimana” è Adas, o meglio Re Adas, come è giusto chiamarlo. Non voglio troppo annoiarvi sulla sua storia o sulle sue origini (che potete approfondire grazie alla pagina del DataBank cliccando sul link qui sopra) ma analizzare il suo ruolo e la sua importanza.

Sappiamo di come la situazione su Korriban era, e probabilmente sarà sempre nella sua storia, ”problematica”, con tanti pretendenti al trono. Adas tuttavia è stato il primo. Con l’uso della forza, della sua guida e del suo carisma, prese il controllo dell’intero pianeta per migliaia di anni.

Tralasciando per un attimo la mitologia di Star Wars, assomiglia molto ai re della mitologia antica  e della storia. Per citarne uno: Minosse di Creta. La sua presentazione, poi, dimostra quanto fosse carismatico: la sua ascia da guerra era un’arma temibile e invincibile.

Credo, però, che la sua sete di potere lo abbia portato alla caduta: a causa della sua fiducia nei Rakata, i quali gli trasmisero la conoscenza, e all’uso degli holocron, ma con un doppio fine celato, ovvero l’assoggettamento di Korriban e dei Sith.

Lodevole, però, il suo tentativo di redenzione: scarificarsi per il suo popolo, combattendo a viso aperto contro gli invasori a costo della sua stessa vita, lo rende un personaggio non del tutto malvagio, perché aveva a cuore il suo popolo.

Dopo di lui, poi, il nulla per millenni: la sua mancanza di leadership ha fatto trascinare il suo pianeta natale in un’ennesima guerra civile, ma ha favorito il sorgere dell’Ordine Sith, grazie al suo sapere trasmesso negli holocron.

Chi più di lui ha influenzato il nascere dei Sith?

Se non fosse stato per il suo sapere, la sua eredità, i futuri Esiliati non avrebbero avuto terreno fertile per creare un ordine contro i Jedi, da cui si distaccavano.

Grazie per aver seguito la prima puntata e cliccate sulle varie voci evidenziate per leggere tutti gli approfondimenti nel DataBank. Lasciate i commenti qui sotto e arrivederci alla prossima puntata!

P.S. Non è stata usata la nuova terminologia per quanto riguarda il pianeta Korriban che, come molti di voi sapranno, nella serie TV The Clone Wars è stato rinominato Moraband.

Commenti

commenti